L’ultima battaglia (forse) sul grande prato di Agno

PIANIFICAZIONE

Sì del Consiglio comunale (14-8) a una modifica del Piano regolatore che permetterà la realizzazione di un complesso residenziale privato con un giardino pubblico - Ma tira aria di referendum

L’ultima battaglia (forse) sul grande prato di Agno
Al centro, la mela della discordia.  (Foto Putzu)

L’ultima battaglia (forse) sul grande prato di Agno

Al centro, la mela della discordia.  (Foto Putzu)

Un campo di scontro, ancora una volta. E potrebbe non essere l’ultima. Stiamo parlando del comparto Monda-Bolette di Agno, il pratone lungo la strada cantonale di fronte al World Trade Center, da anni teatro di accese discussioni sul suo futuro. Lunedì sera, con quattordici voti favorevoli e otto contrari, il Consiglio comunale ha dato luce verde alla modifica del Piano regolatore che permetterà la realizzazione, tra le varie cose, di un complesso residenziale privato con un giardino di cinquemila metri quadri donato alla collettività dai promotori. Dicevamo che potrebbe non essere finita qui, perché in paese tira aria di referendum.I temuti supermercati Non sarebbe la prima volta che il terreno è al centro di una raccolta di firme. Undici anni fa ne erano state messe insieme 3.124 dai promotori...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Da oggi ogni giorno è buono per lo sgombero dell’ex Macello

    Lugano

    A meno che gli autogestiti decidano a breve di sedersi a un tavolo per discutere una sede alternativa, la Città ora può legalmente liberare forzatamente gli spazi - Borradori: «Se ne occuperà la Polizia, nemmeno noi sapremo quando accadrà fino a pochi minuti prima dell’inizio dell’operazione»

  • 2

    Croce Verde cerca casa: rispunta l’ipotesi Breganzona

    Lugano

    L’ente riprova a portare avanti il progetto di una nuova sede sul Pian Povrò, che in passato era stato contestato - L’alternativa rimane quella di costruire dietro la «base» attuale a Pregassona, ma le tempistiche paiono più sfavorevoli

  • 3

    Da Trapani a Lugano in bicicletta

    La storia

    Giuseppe Bica ha concluso il suo lungo viaggio: tremila chilometri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mobilità sostenibile e per aiutare Medici Senza Frontiere

  • 4

    Presunto stupro, toni accesi in aula

    processo

    Nel secondo giorno di dibattimento le parti hanno cercato di screditare la credibilità dei loro avversari - La donna afferma di essere stata violentata, l’uomo parla di rapporto consenziente - Sentenza settimana prossima

  • 5

    «Con quel sondaggio la Città non c’entra nulla»

    Polo Sportivo

    L’MPS accusa il Municipio di fare campagna in vista sul referendum con una ricerca d’opinioni pilotata e con soldi pubblici - Lugano però smentisce: «Non l’abbiamo commissionato noi e di certo non è finanziato con soldi pubblici» - Il Movimento: «Rischi seri per la libera espressione democratica»

  • 1
  • 1