La campagna «OK BIKER» entra nel vivo con Jorge Lorenzo

Lugano

Partenza con il botto per il progetto di prevenzione della Polizia cittadina: martedì scors, a Cassarate, c’era anche l’ex pilota delle MotoGP

La campagna «OK BIKER» entra nel vivo con Jorge Lorenzo
© Polizia di Lugano

La campagna «OK BIKER» entra nel vivo con Jorge Lorenzo

© Polizia di Lugano

Partenza con il botto per la campagna di prevenzione OK BIKER: martedì scorso, a Cassarate, tra i motociclisti incontrati in occasione della prima giornata della campagna di prevenzione contro gli incidenti in moto - promossa dalla nostra Polizia - c’era infatti anche Jorge Lorenzo, il quale ha apprezzato molto l’iniziativa e ha deciso di aderirvi in prima persona.

Giunto poco dopo le undici della mattina, il penta-campione del mondo di motociclismo ha ascoltato con molto interesse le informazioni dei nostri agenti e ha colto l’occasione per offrire anche il proprio contributo, da grande ex pilota.

Una bella occasione, dunque, pure per alcuni centauri presenti sul posto, i quali si sono trovati, con piacere, davanti a uno dei più grandi e popolari campioni del mondo di motociclismo.

Lo slogan della campagna OK BIKER è «La vita non è una gara» e fino al 21 maggio i nostri agenti saranno sulla strada per un’azione di vicinanza relazionale con il motociclista, per sensibilizzarlo sui pericoli in città e per ricordare i migliori comportamenti contro gli incidenti.

I consigli dell’Ufficio prevenzione incidenti per i centauri:

1. Guida in modo previdente e difensivo

2. Tieni sempre presente l’eventualità di non essere visto

3. Non tagliare le curve e esercitati regolarmente a frenare

4. Indossa l’equipaggiamento di protezione anche per tragitti brevi

5. Scegli una moto con ABS (sistema antibloccaggio).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Ex Macello, mozione ritirata

    autogestione

    Il deputato Fabio Schnellmann ha deciso in questo senso viste le «risposte esaustive da parte del Governo» - All’orizzonte si profilavano addirittura quattro rapporti

  • 2

    Scarichi di responsabilità per la più grossa truffa COVID

    Processo

    Alla sbarra un imprenditore e un dentista accusati a vario titolo di aver ottenuto prestiti indebiti per 1,5 milioni falsificando i conti di quattro diverse società - L’accusa chiede 5 e 4 anni, le difese 30 mesi e il proscioglimento

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1