La carovana del Circo Knie è arrivata a Lugano

Cornaredo

Da giovedì a domenica va in scena lo spettacolo del giubileo - «Una tournée speciale, molto emozionante» ci racconta Franco Knie Junior

La carovana del Circo Knie è arrivata a Lugano
© CdT/ Chiara Zocchetti

La carovana del Circo Knie è arrivata a Lugano

© CdT/ Chiara Zocchetti

La carovana del Circo Knie è arrivata a Lugano
© CdT/ Chiara Zocchetti

La carovana del Circo Knie è arrivata a Lugano

© CdT/ Chiara Zocchetti

La carovana del Circo Knie è arrivata questa mattina a Lugano dove, da giovedì 14 a domenica 17 novembre, andrà in scena lo spettacolo del giubileo. È passato infatti un secolo dalla prima rappresentazione del circo nazionale svizzero sotto un tendone. Dal 1919 ad oggi molte cose sono cambiate ma a rimanere sempre uguale è la conduzione familiare da parte della dinastia Knie, giunta ormai all’ottava generazione di artisti. «Questa è una tournée speciale, molto emozionante - ci ha detto questa mattina il direttore tecnico Franco Knie Junior - che mette in scena uno spettacolo che sta piacendo moltissimo al pubblico». Un successo che ha spinto il circo ha prolungare di una settimana la tournée. «Sì, quest’anno rompiamo con la tradizione e al posto che qui a Lugano concluderemo le rappresentazioni a casa, a Rapperswil».

La carovana del Circo Knie è arrivata a Lugano

Insieme al tendone - montato in anticipo rispetto agli altri anni perché è saltata la tappa locarnese a causa delle condizioni del terreno - sono arrivati oggi a Lugano 37 artisti provenienti da 8 Paesi e circa 230 collaboratori da 16 Paesi. Per la gioia dei più piccini da giovedì sarà possibile visitare lo zoo ambulante che ospita quaranta cavalli, 18 pony, capre, e molto altro. Da quattro anni a questa parte, invece, gli elefanti non fanno più parte della carovana colorata ma hanno trovato casa a Rapperswil. «All’inizio il pubblico sentiva la mancanza degli animali, - spiega ancora Franco Knie Junior che, con la moglie Linna Knie-Sun e il figlio Chris Rui Knie, era protagonista proprio del numero con gli elefanti - ma poi si è abituato, capendo la nostra scelta». «Gli elefanti - conclude - fanno parte della nostra famiglia e appena abbiamo del tempo libero andiamo a trovarli».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Chiara Nacaroglu
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1