La donna si era innamorata di un combattente jihadista

aggressione alla manor

Lo aveva conosciuto sui social e aveva provato a raggiungerlo in Siria - Soffriva di problemi psichici

 La donna si era innamorata di un combattente jihadista

La donna si era innamorata di un combattente jihadista

Nuovi aggiornamenti da Fedpol in merito alla 28.enne che ieri pomeriggio ha accoltellato una donna e aggredito un’altra al quinto piano della Manor di Lugano. Da indagini di polizia condotte nel 2017 è emerso che la persona in questione si era innamorata sui social network di un combattente jihadista che si trovava in Siria. La donna aveva cercato di raggiungerlo, ma era stata arrestata dalle autorità turche al confine tra Turchia e Siria e successivamente rimpatriata in Svizzera. All’epoca la donna soffriva di problemi psichici. Al suo rientro era stata collocata in un istituto psichiatrico. Dal 2017, la donna non è più comparsa ai dossier di Fedpol legati al terrorismo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Entro sabato il PS sceglierà per che squadra giocare

    Cornaredo

    Il partito ha promosso una votazione interna per stabilire se appoggiare o meno il Polo sportivo - La Direzione suggerisce un sì di massima, ponendo però al Municipio «sette condizioni imprescindibili» - Poi c’è la proposta di Martino Rossi: bocciare il messaggio e far presentare alla Città un progetto meno oneroso

  • 2
  • 3

    Decreto di abbandono per il sacerdote luganese

    Caso Chiappini

    Gli indizi dei reati ipotizzati di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per omissione a danno di una 48.enne non sono stati corroborati – La Diocesi: «Il Presbitero ha ritenuto di dover rinunciare a tutti gli incarichi finora ricoperti, compreso l’insegnamento presso la Facoltà di Teologia a Lugano»

  • 4

    Condannato a 6 anni l’autore dell’accoltellamento

    pregassona

    L’iracheno aveva ferito al volto un connazionale durante un alterco al posteggio dell’Aldi - «Durante tutta l’inchiesta l’imputato è stato incoerente e ha fornito versioni contrastanti, senza mai mostrare un vero pentimento», ha sottolineato il giudice

  • 5

    Lavori in Centro a Lugano: c’è ancora da fare

    SERVONO 3,7 MILIONI

    Il Municipio chiede un nuovo credito per una serie d’interventi alle sottostrutture del Centro dopo gli 8,5 milioni già stanziati - Si tratta di opere necessarie che l’autorità comunale vuole anticipare per essere pronta quando verrà aperto il cantiere del tram

  • 1
  • 1