La famiglia della 28.enne chiede rispetto

il caso

I genitori della donna responsabile dell’accoltellamento di ieri alla Manor hanno espresso vicinanza alle vittime e ribadito la loro estraneità ai fatti

La famiglia della 28.enne chiede rispetto
© CdT/Gabriele Putzu

La famiglia della 28.enne chiede rispetto

© CdT/Gabriele Putzu

Dopo quanto avvenuto ieri alla Manor di Lugano, la famiglia della 28.enne ha diramato una nota in un cui comunica «la propria profonda vicinanza e solidarietà ai parenti delle vittime, alle quali augurano una pronta guarigione». Inoltre, i parenti della donna hanno anche sottolineato la loro «più completa estraneità» ai fatti, dissociandosi da quanto avvenuto. «Le uniche cose di cui i familiari sono a conoscenza le hanno apprese dal comunicato di polizia e dalla conferenza stampa», fanno sapere.

Rivolgendosi ai media, la famiglia ha chiesto rispetto: «I familiari non sono a conoscenza di ulteriori elementi utili e non intendono fornire dettagli personali sulla 28.enne». «Appostarsi sotto casa - scrivono, chiedendo il rispetto della scelta di chiudersi nel silenzio - telefonare o accusarli di avere “una figlia terrorista” non apporta alcun beneficio alle informazioni fornite alla popolazione. Danneggia solo una famiglia già molto provata e incredula».

Infine, la famiglia esprime completa fiducia nelle autorità competenti, dicendosi «certa che saranno loro a fare piena luce su quanto accaduto. E saranno sempre loro, a tempo debito, a informare i media».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    Decreto di abbandono per il sacerdote luganese

    Caso Chiappini

    Gli indizi dei reati ipotizzati di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per omissione a danno di una 48.enne non sono stati corroborati – La Diocesi: «Il Presbitero ha ritenuto di dover rinunciare a tutti gli incarichi finora ricoperti, compreso l’insegnamento presso la Facoltà di Teologia a Lugano»

  • 3

    Condannato a 6 anni l’autore dell’accoltellamento

    pregassona

    L’iracheno aveva ferito al volto un connazionale durante un alterco al posteggio dell’Aldi - «Durante tutta l’inchiesta l’imputato è stato incoerente e ha fornito versioni contrastanti, senza mai mostrare un vero pentimento», ha sottolineato il giudice

  • 4

    Lavori in Centro a Lugano: c’è ancora da fare

    SERVONO 3,7 MILIONI

    Il Municipio chiede un nuovo credito per una serie d’interventi alle sottostrutture del Centro dopo gli 8,5 milioni già stanziati - Si tratta di opere necessarie che l’autorità comunale vuole anticipare per essere pronta quando verrà aperto il cantiere del tram

  • 5

    Prima amici, poi lo sfigura

    Pregassona

    Si è aperto il processo per l’accoltellamento davanti all’Aldi - L’episodio, filmato da un passante, fece il giro del web - Secondo l’accusa c’era premeditazione, ma la difesa è di parere diverso: «Ha usato un apriscatole, mica un coltello»

  • 1
  • 1