La mail del comandante che infiamma la Ceresio Sud

Paradiso

Una missiva del capo del corpo di Polizia, indirizzata a tutti i collaboratori, mette in cattiva luce un collega in malattia – I Sindacati indipendenti ticinesi valutano la denuncia – Il sindaco invita alla calma

La mail del comandante che infiamma la Ceresio Sud

La mail del comandante che infiamma la Ceresio Sud

All’interno del corpo di Polizia Ceresio Sud, con sede a Paradiso, una mail ha acceso gli animi. Una comunicazione – quella inviata dal comandante giovedì mattina a tutti gli agenti – che ha, di fatto, portato ad attivarsi anche i sindacati i quali hanno chiesto delucidazioni al Municipio e non escludono la possibilità di sporgere denuncia. La vicenda, ci spiegano fonti ben informate, si inserirebbe in un periodo dove l’ambiente all’interno del corpo non sarebbe totalmente sereno. E la mail inviata, in tal senso, non avrebbe giovato. Il tutto ruota attorno a un agente che, certificato medico alla mano, ha annunciato negli scorsi giorni un’assenza per comprovati motivi di salute. Assenza che sarebbe stata mal digerita dal comandante – prossimo al pensionamento – il quale, come detto, giovedì...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    L’auto con Eitan fermata dalla polizia prima del volo

    Il caso

    Lo rivela il Corriere della Sera, secondo cui le autorità avrebbero svolto un normale controllo identificando gli occupanti – La Polca però nega: «Dalle verifiche esperite al nostro interno non risulta che la Polizia cantonale abbia mai controllato le persone oggetto dell’articolo»

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4

    «In Svizzera la mafia c’è e investe i suoi soldi»

    conferenza

    All’USI si è tenuto il primo convegno dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata - Intervenuta anche la PM antimafia Alessandra Cerreti: «Grandissima capacità imprenditoriale, investono in bitcoin e sono laureati nelle migliori università»

  • 5
  • 1
  • 1