La storia della discarica abusiva tollerata per quarant’anni

Ponte Capriasca

Una sentenza ha confermato che non è in regola e un’interrogazione al Governo chiede perché si sia agito solo ora - Nel 1999 l’ha usata anche il Comune - «Chiuderla per noi significherebbe chiudere la ditta»

 La storia della discarica abusiva tollerata per quarant’anni
La discarica con Ponte Capriasca sullo sfondo. ©CDT/GABRIELE PUTZU

La storia della discarica abusiva tollerata per quarant’anni

La discarica con Ponte Capriasca sullo sfondo. ©CDT/GABRIELE PUTZU

Dopo quasi quarant’anni di attività, una discarica abusiva può ancora definirsi abusiva? E perché la situazione è stata apparentemente ignorata dalle autorità per decenni? Alla prima domanda ha di recente risposto il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM), alla seconda risponderà il Governo, sollecitato da un’interrogazione.

Stiamo parlando di una discarica sita a Ponte Capriasca, a lato della strada che scende verso Taverne. Discarica usata da una ditta edile da non prima del 1983 secondo il TRAM (l’azienda parla invece di anni Settanta) per il deposito e la lavorazione di materiali inerti, e che presto potrebbe dover essere dismessa, perché all’azienda è stata rifiutata la concessione di una licenza edilizia in sanatoria richiesta per mettersi in regola. Il sito si trova infatti in zona...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    L’incendio del Mulino e il giallo di 40 anni fa

    Accadde in Ticino

    Nel 1981 una vicenda di cronaca nera tenne con il fiato sospeso gli abitanti di Maroggia occupando le pagine dei giornali - Già allora lo stabilimento rischiò di essere divorato dalle fiamme - Un caso degno della miglior letteratura poliziesca con colpo di scena finale

  • 2
  • 3
  • 4

    Chiesti 6 anni e 3 mesi per lo «stallone pedofilo»

    Luganese

    Il procuratore pubblico Nicola Respini ha posto l’accento sul centinaio di episodi di abuso di cui è accusato l’ottantenne ticinese a processo da stamattina – A breve prenderà la parola la difesa

  • 5
  • 1
  • 1