La terza corsia si scontra con il semisvincolo

A2 Lugano-Mendrisio

Il potenziamento dell’autostrada con l’aggiramento di Bissone rischia di scontentare Melano e Maroggia. Con la nuova galleria bisogna spostare un’uscita e le proposte di Berna non convincono i due Comuni

La terza corsia si scontra con il semisvincolo
Il tratto fu inaugurato nel 1967 (foto Putzu)

La terza corsia si scontra con il semisvincolo

Il tratto fu inaugurato nel 1967 (foto Putzu)

Del taglio del nastro si parlerà tra moltissimi anni, ma è adesso che si sta pianificando come concretizzare il potenziamento del tratto dell’autostrada A2 tra Lugano e Mendrisio, il cui progetto è stato ribattezzato con l’acronimo «Polume». È un’arteria che vanta ormai oltre cinquant’anni di storia, dato che fu aperta al traffico il lontanissimo 24 novembre del 1967. Fu uno dei primi pezzi d’autostrada conclusi nel nostro cantone e fu realizzato con una spesa complessiva di 260 milioni di franchi d’allora (circa 20 milioni al chilometro in media).

Gallerie da allargare

Tornando a oggi, c’è da chiedersi quali siano i punti salienti del progetto di potenziamento, alcuni dei quali sono stati discussi non più tardi di una settimana fa in un incontro tra l’Ufficio federale delle strade (USTRA), i...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    Dall’Italia: «Non c’entra con la cellula sgominata nel 2017»

    aggressione alla manor

    È quanto sostiene una fonte inquirente che ha seguito in prima persona l’inchiesta che portò all’arresto di Ümit Y., il reclutatore che lavorò anche per Argo 1 - Tra le ipotesi di reato a carico della donna ci sono il tentato omicidio intenzionale e le lesioni personali gravi

  • 3

    «Ho subito pensato a Morges»

    Il fatto di sangue

    La ricercatrice Mirjam Eser Davolio dà una sua lettura di quanto avvenuto martedì a Lugano: «La Svizzera sembrava meno esposta, eppure non siamo al riparo da atti di violenza terroristica»

  • 4

    «Il mulino è di tutti e vogliamo ricostruirlo»

    dopo l’incendio

    Tra le macerie del Mulino di Maroggia, il direttore Alessandro Fontana guarda avanti: «Sono stati giorni molto duri ma siamo fiduciosi» - Intanto, la solidarietà arriva da tutto il Ticino

  • 5

    «Non sono sorpreso dell’accaduto»

    Fatti di Lugano

    Era così imprevedibile quanto successo? No, dice l’esperto di terrorismo ed ex capo del Servizio delle attività informative della Confederazione Peter Regli - L’intelligence mette da anni in guardia - Il VIDEO

  • 1
  • 1