L'aereo perde la porta in volo, era attaccata con lo “scotch”

Indagine aperta su un incidente di volo sopra Cannobio, in Italia - I piloti avevano riparato la porta del bagagliaio con del nastro adesivo perché il giorno prima uno di loro l'aveva sradicata cadendoci sopra

L'aereo perde la porta in volo, era attaccata con lo “scotch”
Immagine tematica d'archivio - Un Cirrus SR22

L'aereo perde la porta in volo, era attaccata con lo “scotch”

Immagine tematica d'archivio - Un Cirrus SR22

LUGANO - È un incidente di volo quantomeno particolare, quello sul quale il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) sta indagando. La mattina del 19 luglio 2018 un aereo monomotore (un Cirrus SR22), decollato da Lugano e guidato da un pilota del Gruppo Volo Motore Lugano (GVML), ha perso – mentre volava novecento metri sopra Cannobio, in Italia – la porta del bagagliaio. Il pilota è poi atterrato a Lugano senza problemi. La porta è stata persa perché, per mutuare un'espressione dal dialetto, era letteralmente attaccata con lo scotch. Questo in quanto il giorno prima il pilota, nel pulire l'aereo, era scivolato dall'ala, cadendo sopra la porta e sradicandola, rimanendo leggermente ferito. La stessa era stata rimessa al suo posto con del nastro adesivo da un altro pilota, responsabile velivoli del GVML ma non in possesso di una licenza di meccanico d'aviazione. «La riparazione con il nastro adesivo non era adeguata – scrive il SISI nel suo rapporto preliminare – e non è stata fatta impiegando le appropriate prescrizioni del costruttore, tanto meno applicando le regole dell'arte usuali in aviazione. Il nastro adesivo impiegato in questo modo non può resistere alla forte depressione che si genera in volo sulla superficie esterna della fusoliera». La porta è quindi piombata in territorio di Cannobio, fortunatamente senza urtare persone o cose.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Quai

    «Pronto a riprendere in mano la matita per unire le tre piazze»

    Lugano per riqualificare il lungolago davanti a Palazzo Civico vuole affinare un progetto dello studio dell’architetto Mauro Buletti che risale a inizio anni Duemila e che era stato rispolverato anche nel 2013: «La volontà di vederlo diventare realtà è forte: spero che sarà l’approfondimento definitivo»

  • 2
  • 3
    Processo

    La truffa per i quadri della moglie

    Dieci mesi sospesi a un anziano che, senza dirglielo, molto denaro di un’amica in una società d’arte piemontese che fallì poco dopo e che comprò le pitture della compagna dell’imputato

  • 4
    Giustizia

    La truffa dei garage e quei «leasing facili»

    Buste paga «gonfiate» e falsificate, spese d’affitto notevolmente diminuite: era questo il sotterfugio usato per poter finanziare l’acquisto di un’auto – Il venditore: « Facevano cose disoneste e ci sono finito dentro anche io»

  • 5
    spazi che mancano

    Per i giovani qualcosa si muove

    Lugano sta cercando locali da mettere a disposizioni dei ragazzi che vogliono organizzare eventi musicali o altro, ma chi vuole trasgredire non andrà a prendere le chiavi a Palazzo civico - Un tema spinoso per la Città, ancor più dopo i fatti del parco Saroli

  • 1