L'aereo perde la porta in volo, era attaccata con lo “scotch”

Indagine aperta su un incidente di volo sopra Cannobio, in Italia - I piloti avevano riparato la porta del bagagliaio con del nastro adesivo perché il giorno prima uno di loro l'aveva sradicata cadendoci sopra

L'aereo perde la porta in volo, era attaccata con lo “scotch”
Immagine tematica d'archivio - Un Cirrus SR22

L'aereo perde la porta in volo, era attaccata con lo “scotch”

Immagine tematica d'archivio - Un Cirrus SR22

LUGANO - È un incidente di volo quantomeno particolare, quello sul quale il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) sta indagando. La mattina del 19 luglio 2018 un aereo monomotore (un Cirrus SR22), decollato da Lugano e guidato da un pilota del Gruppo Volo Motore Lugano (GVML), ha perso – mentre volava novecento metri sopra Cannobio, in Italia – la porta del bagagliaio. Il pilota è poi atterrato a Lugano senza problemi. La porta è stata persa perché, per mutuare un'espressione dal dialetto, era letteralmente attaccata con lo scotch. Questo in quanto il giorno prima il pilota, nel pulire l'aereo, era scivolato dall'ala, cadendo sopra la porta e sradicandola, rimanendo leggermente ferito. La stessa era stata rimessa al suo posto con del nastro adesivo da un altro pilota, responsabile velivoli del GVML ma non in possesso di una licenza di meccanico d'aviazione. «La riparazione con il nastro adesivo non era adeguata – scrive il SISI nel suo rapporto preliminare – e non è stata fatta impiegando le appropriate prescrizioni del costruttore, tanto meno applicando le regole dell'arte usuali in aviazione. Il nastro adesivo impiegato in questo modo non può resistere alla forte depressione che si genera in volo sulla superficie esterna della fusoliera». La porta è quindi piombata in territorio di Cannobio, fortunatamente senza urtare persone o cose.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    tesserete

    Faceva spesa a spese dell’amico

    Condannato a due anni sospesi un 63.enne che era riuscito a ottenere una carta bancaria di un’altra persona, usandola poi per due anni e prelevandovi quasi 120.000 franchi - Aveva anche l’abitudine di chiedere prestiti agli amici, sapendo di non poterli saldare

  • 2
    luganese

    Si è intascato 1,3 milioni di imposte alla fonte

    Condannato a 14 mesi sospesi un italiano cinquantenne, che si è impegnato a restituire il maltolto - È un addentellato ticinese di una presunta grossa truffa ai danni di un fornitore di gas in Italia

  • 3
  • 4
    Sentenza

    Cala il sipario sul caso Tusculum

    Condannati l’ex direttore e l’ex vicedirettrice per malversazioni milionarie durate oltre un decennio: tre anni a lui, 2 anni e 4 mesi a lei

  • 5
    LUGANO

    Cassarate: storia di un giardino che sparirà

    Il piccolo parco di fianco alla casa dove visse Francesco Chiesa lascerà spazio a uno stabile con ventiquattro appartamenti - Lo scrittore una volta rispose in modo secco a un vicino che gli chiedeva di tagliare un pino: «Preferisco tagliarmi un braccio»

  • 1