Lugano avrà un 2019 positivo (almeno a livello di conti)

Il Preventivo indica un avanzo d'esercizio di 144.000 franchi - L'anno sarà caratterizzato dalla tassa sul sacco

Lugano avrà un 2019 positivo (almeno a livello di conti)

Lugano avrà un 2019 positivo (almeno a livello di conti)

LUGANO - La Città di Lugano potrebbe chiudere il 2019 con un risultato d'esercizio in positivo di 144.000 franchi. È questo uno dei dati salienti della presentazione a Palazzo Civico del Preventivo. Si tratta di un deciso (+107%) miglioramento rispetto agli 1,9 milioni di perdita che figuravano invece nelle previsioni fatte l'anno scorso.

Il preventivo è caratterizzato in modo particolare dal previsto incasso completo della tassa raccolta rifiuti (tassa base e tassa sul sacco, per 8,7 milioni) e dalla conseguente minor spesa generata dallo smaltimento dei rifiuti (-0,74 milioni). I previsti dividendi straordinari dalle AIL per 5,8 milioni sono invece stati posticipati al 2020. C'è poi l'aspetto legato alla costituzione della Fondazione Culture e Musei (Museo delle Culture), che ha comportato l'azzeramento delle uscite nel centro di costo Museo delle Culture dove è previsto unicamente il valore complessivo del contributo comunale (1,67 milioni). I costi e i ricavi delle case anziani, il cui ente autonomo sarà in fase di attivazione nel corso del 2019, sono previsti interamente – come finora – nel rispettivo centro di costo. Importante poi è la crescita delle sopravvenienze a seguito del raggiungimento del gettito di consuntivo per gli anni 2013 e 2014 (e prossimo è pure il raggiungimento del gettito di consuntivo anche per l'anno 2015).

"L'autofinanziamento al 53% - ha spiegato il capodicastero Finanze Michele Foletti - rimane basso. Dovremmo essere almeno all'80%. Dopo gli anni del benessere e lo coc di svegliarsi una mattina e trovarsi in crisi, ora è il momento della maturità e della responsabilità".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
  • 3
    Turismo

    «Quanti romandi in vacanza a Lugano»

    Per tenere a galla il settore turistico si faceva affidamento soprattutto sugli svizzerotedeschi, ma a sorprendere gli operatori è stata la risposta, tutt’altro che scontata, dei «cugini» francofoni - Federico Haas: «Ne beneficeremo anche nei prossimi anni» - Prenotazioni in calo per fine agosto: «Ci mancheranno i britannici e gli americani»

  • 4
    Mobilità

    C’è un tram che si avvicina al Luganese

    Viaggio virtuale sul mezzo che tra un anno sostituirà lo storico trenino - Potrà circolare a 80 chilometri orari (quello attuale arriva a 60) e trasportare trecento persone - Il direttore della FLP: «Sarà anche più silenzioso e questo andrà a vantaggio di chi abita lungo il tracciato»

  • 5
  • 1