Lugano è pronta al concorso per riattivare la funicolare degli Angioli

Progetti

Lo storico collegamento tra il centro e via Maraini non sarà solo restaurato, ma anche rimesso in funzione - Il Municipio a breve presenterà un messaggio per identificare chi si occuperà del progetto - Si valuta anche un nuovo attracco sul lago e un collegamento con il Tassino

Lugano è pronta al concorso per riattivare la funicolare degli Angioli
©CdT/Chiara Zocchetti

Lugano è pronta al concorso per riattivare la funicolare degli Angioli

©CdT/Chiara Zocchetti

È uno degli angoli di città più fotografato dai turisti ed è la testimonianza di una Lugano che non c’è più. Di quando la collina di Loreto ospitava i grandi alberghi - pensiamo al Bristol - e la funicolare degli Angioli serviva a collegarli al lungolago e alla via Nassa. Ma quella funicolare è lì, ferma, dal 1986. Alla fine la usavano in pochi e si decise di metterla fuori uso. Ma è da anni - un po’ come per le fontane sul lago - che si parla di riportarla al suo antico splendore. E un passo molto importante in questo senso è atteso a breve da parte del Municipio, che è quasi pronto - così ci conferma la responsabile del Dicastero Spazi Urbani Karin Valenzano Rossi - a sottoporre al Consiglio comunale un messaggio per il concorso di architettura riguardante proprio il comparto della funicolare....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Niente licenza: «Al momento le palazzine non si fanno»

    Melano

    Non c’è il benestare per il progetto che prevedeva la realizzazione di cinque edifici per un totale di circa cento appartamenti – Avviata una verifica del dimensionamento delle zone edificabili – Il sindaco Maffei: «Siamo oltre i parametri»

  • 2
  • 3

    «La polizia voleva intervenire sullo stabile»

    Ex Macello

    Già l’11 marzo il Municipio decise lo sgombero, ma poi cambiò idea e optò per la disdetta - Comunale e cantonale erano consapevoli che il problema principale sarebbe stato il controllo dell’area dopo la demolizione e avevano ventilato l’ipotesi di intervenire sulla struttura

  • 4

    Ecco il piano di Bally per Villa Heleneum

    Lugano

    Il Municipio spiega perché ha scelto il progetto espositivo dell’azienda di Caslano - «È una proposta che stimola esperienze nuove: in Ticino mancano spazi museali dedicati alla moda» - I nuovi gestori investiranno per adeguare gli spazi interni e verseranno un affitto annuo al Comune

  • 5
  • 1
  • 1