Lugano, ecco chi si è aggiudicato una casetta in piazza

L'estrazione a sorte ha decretato i quattro esercizi pubblici che occuperanno le postazioni gastronomiche nel mese di dicembre

Lugano, ecco chi si è aggiudicato una casetta in piazza

Lugano, ecco chi si è aggiudicato una casetta in piazza

LUGANO - Auberge, Bank e Bar Böcc: sono questi i tre fortunati esercizi pubblici che si sono aggiudicati le tre casette gastronomiche situate tra piazza Manzoni e piazza Riforma rimaste libere dopo l'assegnazione agli esercenti della piazza. «Fortunati» è proprio l'aggettivo giusto dato che l'assegnazione ha avuto luogo, oggi pomeriggio, tramite un'estrazione a sorte. Anche la gestione della postazione in piazza San Carlo, agibile non per tutto il mese di dicembre come le altre ma solo per una decina di giorni (dal 1. al 12 dicembre) è stata affidata al caso. Ad accaparrarsela è stato il Bar Laura. Il villaggio gastronomico del Natale luganese, composto da undici postazioni (non 12 come erroneamente riportato ieri) più quella di piazza San Carlo, è quindi al completo. Oltre ai quattro esercenti che porteranno il loro bar sotto l'albero di Natale, gli altri sono colori che piazza Riforma la occupano tutto l'anno. Stiamo parlando di Argentino, Tango, Vanini, Federale, Agua, Mary, Olimpia, Bottegone del vino. «Il metodo di scelta si è reso necessario visto il numero enorme di richieste rispetto al passato - spiega Claudio D'Agostino della Divisione Eventi della Città di Lugano -, in futuro ci saranno degli accorgimenti per la gestione delle domande».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
    Il caso

    L’auto con Eitan fermata dalla polizia prima del volo

    Lo rivela il Corriere della Sera, secondo cui le autorità avrebbero svolto un normale controllo identificando gli occupanti – La Polca però nega: «Dalle verifiche esperite al nostro interno non risulta che la Polizia cantonale abbia mai controllato le persone oggetto dell’articolo»

  • 3
    Lugano

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4
    conferenza

    «In Svizzera la mafia c’è e investe i suoi soldi»

    All’USI si è tenuto il primo convegno dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata - Intervenuta anche la PM antimafia Alessandra Cerreti: «Grandissima capacità imprenditoriale, investono in bitcoin e sono laureati nelle migliori università»

  • 5
  • 1