Lugano, i park & ride vanno a ruba

Già esaurite le nuove tessere per Fornaci, vendute oltre la metà per Cornaredo - Finora nessuna opposizione contro l'ordinanza per i parcheggi a pagamento

Lugano, i park & ride vanno a ruba

Lugano, i park & ride vanno a ruba

LUGANO Sono andate a ruba in meno di due settimane le tessere per il park&ride Fornaci, mentre per i nuovi P&R di Cornaredo al momento sono un po' più della metà quelle vendute e ce ne sono ancora disponibili. Come annunciato qualche settimana fa, a partire dal 1. marzo il parcheggio Stadio est (quello su via Ciani) e Cornaredo Termica (parte del parcheggio del Cinestar) – per un totale di 710 posti – diventeranno dei P&R a pagamento, mentre spariranno le aree di sosta gratuite, tra cui lo sterrato della Gerra.

Ad oggi, fanno sapere dall'ufficio giuridico, non sono arrivate opposizioni (la scadenza è in marzo). Intanto in questi giorni sono state posate le barriere che regoleranno l'accesso, accompagnate da cartelli esplicativi. I costi per trasformare i posteggi sono sostenuti dalla TPL, alla quale la Città «restituirà» la somma (1,3 milioni) prelevandola dal fondo cantonale per le energie rinnovabili.

Il servizio completo in edicola.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
    Lo spunto

    «Varese, Como e Lugano unite possono competere con Milano»

    La regione, se vista dall’alto, forma una metropoli di 1,83 milioni di abitanti - Il sindaco di Varese Galimberti parla dei rapporti con il Ticino e delle potenzialità, rispetto ai grandi centri, delle città medie - «Però devono collaborare»

  • 3
    Isole di calore

    Parti di Lugano scottano, ma si possono raffreddare

    Città mappata con termocamere: in viale Cattaneo una sera d’agosto alle sette c’erano oltre quaranta gradi, sotto gli alberi a pochi metri una decina in meno - Si studiano possibili soluzioni dai giochi d’acqua a vele, resine e tetti verdi

  • 4
    Lugano

    Lo spacciatore agli inquirenti: «Grazie per avermi fermato»

    Due anni sospesi a un 41.enne a processo oggi che in tre anni ha venduto oltre un chilo di cocaina a diversi acquirenti della zona - L’ha fatto per finanziare il suo consumo, cominciato a causa di una depressione dovuta a una grave malattia - Gli è stato riconosciuto il sincero pentimento

  • 5
  • 1