Lugano: il poliziotto manesco chiede uno sconto

Processo

Aveva preso a calci una persona durante un fermo sotto lo sguardo delle telecamere della centrale - Condannato a 9 mesi sospesi, vorrebbe una pena pecuniaria

Lugano: il poliziotto manesco chiede uno sconto
(foto Putzu)

Lugano: il poliziotto manesco chiede uno sconto

(foto Putzu)

LUGANO - È un caso che aveva fatto molto scalpore anche perché i fatti - immortalati in alta definizione dalle telecamere della centrale di polizia - non lasciavano largo margine ai dubbi. Era la notte dell’8 maggio del 2016 e gli agenti della Comunale avevano portato nei loro uffici di via Beltramina un giovane, ubriaco e aggressivo, che poco prima aveva creato disordini in una discoteca del centro. Il giovane aveva cominciato a sbraitare e a insultare i poliziotti, sputando addosso a uno di loro e dicendo di essere sieropositivo. Ma in centrale è successo quello che non deve succedere: uno dei poliziotti (non un novellino ma un sottufficiale di 34 anni) si «vendica» e inizia a colpire il giovane mentre è a terra ammanettato. Il tutto sotto lo sguardo di alcuni colleghi («Che non intervengono»,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1