Lugano in un altro pantano: caos sulle naturalizzazioni

IL CASO

La scelta della Lega di «scioperare» dall’esame delle candidature mette in difficoltà i colleghi - La reazione sarà dura o diplomatica?

Lugano in un altro pantano: caos sulle naturalizzazioni
La mela della discordia. © CdT/Archivio

Lugano in un altro pantano: caos sulle naturalizzazioni

La mela della discordia. © CdT/Archivio

Dopo essersi bloccata sul numero dei posteggi da avere alla stazione (problema ancora irrisolto) e sulla cifra da destinare al piano sociale per Lugano Airport (forse in via di risoluzione) Lugano è finita in un altro pantano: quello sulle naturalizzazioni. La decisione della Lega di «scioperare» dai lavori in commissione e di scaricare i propri dossier sul tavolo degli altri membri delle Petizioni ha creato (accantonando per un attimo le questioni politiche) un problema pratico. Cosa faranno gli altri commissari? Si sobbarcheranno il carico abbandonato dai colleghi o utilizzeranno la strategia opposta?Una cosa è certa: a perderci sono i cittadini che hanno avviato la procedura per ottenere il passaporto elvetico e che in ogni caso vedranno allungarsi ancora di più i tempi di attesa. «Ricevo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    Un progetto ticinese che fa bene al cuore

    Telemedicina

    L’Ospedale Malcantonese, in collaborazione con la SUPSI, ha vinto un prestigioso bando europeo per sviluppare un’applicazione che aiuti i malati cardiovascolari nella riabilitazione - Ne parliamo con la dottoressa Tania Odello

  • 3
  • 4
  • 5

    Lugano è anche «povera»

    Socialità

    Tre punti di vista per un fenomeno unico, la fatica di vivere di chi dispone di risorse economiche al imite della sopravvivenza - Senza interventi statali, in città quasi un quinto dei nuclei abitativi non raggiungerebbe il fabbisogno minimo vitale - Fra Martino Dotta: «In preoccupante aumento chi ci chiede di pagargli le fatture»

  • 1
  • 1