Lugano: problema risolto, il Parq è ripartito

Ristorazione

Tolti i sigilli, il noto locale che si affaccia su viale Cattaneo è tornato in attività -«Dopo un anno e mezzo di pandemia non solo siamo riusciti a resistere, ma perfino ad aprire un altro ristorante» - Il gruppo ha infatti da poco inaugurato a Mendrisio il DimSum & Sushi club e ha altri progetti in mente

Lugano: problema risolto, il Parq è ripartito
©CdT/Chiara Zocchetti

Lugano: problema risolto, il Parq è ripartito

©CdT/Chiara Zocchetti

Problema risolto. Il ristorante Parq, uno dei ritrovi più apprezzati a Lugano tra gli appassionati di cucina asiatica (in particolare fusion e giapponese, ma non solo) ha riaperto. Non erano passati inosservati i sigilli che l’Ufficio esecuzioni aveva messo sul portone principale del locale a fine giugno e in molti clienti del ristorante - in tanti lo frequentano sin dalla sua apertura 11 anni fa - ci erano rimasti male, anche perché il Parq è un ritrovo che sembrava funzionare bene e che continuava ad essere ben frequentato.

Undici anni di attivitàTutto è bene quel che finisce bene, dunque. Con Gerda Jerjomin, fondatrice del ristorante e in rappresentanza della proprietaria, abbiamo parlato della situazione e del futuro del ristorante Parq. Il problema era legato agli affitti, con dei disaccordi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    L’auto con Eitan fermata dalla polizia prima del volo

    Il caso

    Lo rivela il Corriere della Sera, secondo cui le autorità avrebbero svolto un normale controllo identificando gli occupanti – La Polca però nega: «Dalle verifiche esperite al nostro interno non risulta che la Polizia cantonale abbia mai controllato le persone oggetto dell’articolo»

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4

    «In Svizzera la mafia c’è e investe i suoi soldi»

    conferenza

    All’USI si è tenuto il primo convegno dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata - Intervenuta anche la PM antimafia Alessandra Cerreti: «Grandissima capacità imprenditoriale, investono in bitcoin e sono laureati nelle migliori università»

  • 5
  • 1
  • 1