Lugano può liberarsi della puzza al Belvedere

LUNGOLAGO

L’odore di acque luride che proviene dalla vicina stazione di pompaggio rovina un po’ l’atmosfera - C’è un progetto per modernizzare questo e altri impianti, ma serve uno sforzo in più

Lugano può liberarsi della puzza al Belvedere
Attrarre, non allontanare.  (Foto CdT)

Lugano può liberarsi della puzza al Belvedere

Attrarre, non allontanare.  (Foto CdT)

Ricordate il caso delle macchie nel Ceresio, accompagnate da una puzza di acque luride, che rovinano un po’ l’atmosfera del Belvedere di Lugano? Presto potrebbero diventare solo un ricordo. La questione va però divisa in due, perché gli scarichi e l’odore sono problemi distinti. Iniziamo dal primo. Negli ultimi mesi abbiamo riferito più volte di chiazze grigiastre fuoriuscite dal sottosuolo nel lago di fronte al centro culturale. La concomitanza con la puzza faceva pensare che si trattasse di acqua lurida, ma così non è, in base a quello che ha potuto verificare il funzionario competente della Divisione Servizi Urbani insieme al quale abbiamo effettuato un sopralluogo. L’origine della chiazza è probabilmente da ricondurre ad un cantiere in via Adamini, dove la Città sta lavorando alle sottostrutture....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1