Lugano riparte: ecco tutto quello che c’è da sapere

coronavirus

Mercati, lidi, bike sharing: le misure messe in campo dalla Città dopo il periodo di lockdown

Lugano riparte: ecco tutto quello che c’è da sapere
© CdT/ Chiara Zocchetti

Lugano riparte: ecco tutto quello che c’è da sapere

© CdT/ Chiara Zocchetti

Lugano riparte: ecco tutto quello che c’è da sapere
© CdT/ Chiara Zocchetti

Lugano riparte: ecco tutto quello che c’è da sapere

© CdT/ Chiara Zocchetti

La ripresa delle attività della città di Lugano dopo il periodo di lockdown continua. Dopo l’apertura delle aree verdi il Municipio porta in primo piano l’attenzione al tema della mobilità lenta, la promozione dell’uso della bicicletta, il sostegno ai commerci e ai prodotti del territorio, il ritorno all’attività sportiva delle società. «La ripresa di quasi tutte le attività e il clima di attenzione e prudenza che stanno caratterizzando questi primi giorni di rientro sono al centro dell’attenzione del Municipio, - si legge in una nota - che sta operando su diversi fronti per accompagnare e favorire la ripresa delle attività cittadine».

Considerata la necessità di agire in tempi rapidi, la Città sta valutando in questa fase misure realizzabili in tempi brevi, ad esempio semplici cambiamenti di segnaletica, tariffe agevolate e una diversa destinazione degli spazi pubblici, pianificando al contempo gli iter procedurali necessari al loro consolidamento.

Biciclette

La circolazione delle biciclette sarà consentita sulle corsie bus in pianura o discesa sui seguenti tratti: corsia di via Sonvico, corsia di via Trevano lungo la Caserma dei pompieri e da via Beltramina a piazza Molino Nuovo, corsia di viale Franscini, corsia di via Magatti fino a piazza Manzoni con uscita sul Lungolago autorizzata, corsia sul Lungolago tra il debarcadero di Paradiso e la rotonda del LAC, corsia di via Cantonale. La segnaletica – che sarà ottimizzata in collaborazione con Pro Velo - prevede la demarcazione sulla strada del pittogramma delle biciclette, con particolare attenzione alle tratte di intersezione fra ciclisti e trasporto pubblico. Da domani saranno attive 5 nuove postazioni di bikesharing, con un parco bici che aumenta di 30 unità, di cui 15 elettriche, per un totale di 44 stazioni e 396 due ruote (198 tradizionali e 198 elettriche). In collaborazione con Publibike la Città avvierà una promozione del bikesharing introducendo tariffe agevolate. È prevista l’introduzione di una modifica della segnaletica per consentire l’accesso delle biciclette alle strade “servizio a domicilio permesso”. Inoltre, si stanno analizzando la possibilità e i presupposti per autorizzare il transito in senso inverso lungo alcune strade dei comparti “zona 30”. La Città ha inoltre ha allo studio un progetto di parcheggi per biciclette volto a migliorare la capillarità degli stalli destinati alle due ruote. Oltre ad attuare una prima postazione di prova, sarà valutata la possibilità di anticipare parte del progetto per la zona del centro.

Veicoli motorizzati a due ruote

Per aumentare la capacità di parcheggio dei veicoli a motore a due ruote sarà estesa a 60 stalli la disponibilità dei posti moto al terzo piano dell’autosilo Motta. Inoltre sarà nuovamente verificata la possibilità di realizzare un’ulteriore area parcheggio sulla terrazza dell’autosilo, e si interverrà in modo puntuale dove ve ne è l’esigenza destinando – anche per un periodo limitato – eventuali ulteriori posti auto alle moto.

Tariffe di parcheggio autosili

La Città ha deciso di modificare la tariffa notturna degli autosili introducendo fino alla fine di agosto una tariffa forfettaria simbolica di 1 franco nella fascia oraria dalle 19.00 alla 1 del mattino, con l’obiettivo di promuovere e sostenere la fase di riapertura del centro. Sarà valutata inoltre la possibilità di destinare il ricavato di tale tassa per promuovere le attività economiche periferiche. A partire dal 25 maggio sarà ripristinata la tariffa normale diurna per promuovere la rotazione nell’autosilo e permettere all’utenza di potersi recare più facilmente in centro per fare acquisti o svolgere le proprie attività.

Infrastrutture sportive

In città si stanno preparando ad aprire diverse infrastrutture sportive che si sono organizzate per permettere agli affiliati di tornare a praticare attività fisica. Dal 18 maggio riapriranno con concetti di protezione approvati i tennis club, i Canottieri Lugano, la palestra di via Chioso per il tennis tavolo e la scherma. Anche la Corner Arena tornerà a ospitare le attività dell’Hockey Club Lugano (prima squadra, Under 20 e Under 17).

Lidi

Le strutture balneari della città - Lido, Carona, San Domenico e Riva Caccia - sono chiuse al pubblico dal 13 marzo. Con il progressivo allentamento delle misure di contenimento del COVID-19 il Consiglio federale ha indicato l’8 giugno quale possibile data di riapertura. In attesa della conferma di Berna – prevista il 27 maggio – i Lidi di Lugano si preparano a riaprire il 20 giugno, sulla base delle disposizioni vigenti (gruppi di 5 persone al massimo, distanza di 2 m tra ogni persona, 10 m2 di spazio garantito per ogni utente nelle zone di riposo), del numero massimo di frequentatori concesso (fino al 30 agosto 1000 persone) e di un dettagliato piano di gestione in allestimento. Le aree della ristorazione delle singole strutture, escluso a Carona, sono aperte nel rispetto delle disposizioni e dei concetti di protezione emanati da Gastro Suisse.

Mercati

Il concetto di protezione dei mercati prevede un distanziamento accresciuto delle postazioni degli stand di vendita e misure organizzative mirate per la protezione dei venditori e dei clienti, come la delimitazione degli spazi con controllo delle entrate in aree specifiche, la segnalazione delle distanze sociali in prossimità degli stand di vendita, la limitazione del numero di clienti da servire contemporaneamente, il divieto di servirsi autonomamente e la messa a disposizione di prodotti disinfettanti.

Mercato alimentari

I mercati ordinari di alimentari e prodotti della terra del martedì e del venerdì sono stati riaperti il 12 maggio sulla base del piano di protezione sviluppato dall’Unione svizzera produttori di verdura e dall’Associazione svizzera frutta. Le postazioni degli stand di vendita nelle aree solitamente messe a disposizione sono state adeguate assicurando i passaggi di sicurezza. La nuova planimetria è stata condivisa e approvata dall’Associazione mercato di Lugano.

Mercato antiquariato

La riapertura del mercato di antiquariato e artigianato del sabato è prevista il 23 maggio, la presenza di 50 postazioni ha infatto reso necessaria una preparazione più articolata. I dettagli logistici sono stati affinati in collaborazione con l’Associazione mercato del sabato e con i venditori, scegliendo la soluzione con ampliamento dello spazio a disposizione e non l’alternanza settimanale delle presenze.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Lago al massimo, benzina al minimo

    Bilancio

    Tendenza stabile di immatricolazioni in una stagione caratterizzata da un andamento variabile - Il calo dei turisti stranieri più che compensato da un’assidua presenza confederata e locale - Il periodo di confinamento ha accresciuto in modo rilevante il bisogno di uscite all’aria aperta e di tuffi rigeneranti

  • 2
  • 3
  • 4

    Da casa al cassonetto del rüt: ci pensa la saetta a due ruote

    lugano

    Al via un progetto pilota per il servizio gratuito di ritiro a domicilio delle principali tipologie di rifiuti dedicato alle fasce più deboli della popolazione nei quartieri di Besso, Molino Nuovo e Viganello - Dello smaltimento si occupa Saetta Verde

  • 5
  • 1
  • 1