Lugano sostiene gli esercizi pubblici cittadini

ristorazione

Il Municipio ha deciso di accogliere la richiesta di GastroLugano sulle facilitazioni dell’utilizzo dell’area pubblica: via libera al condono delle tasse di occupazione per il primo semestre 2021 - Confermata anche l’estensione del 30% delle zone esterne e la procedura semplificata per la posa delle terrazze esterne

Lugano sostiene gli esercizi pubblici cittadini
© CdT/Gabriele Putzu

Lugano sostiene gli esercizi pubblici cittadini

© CdT/Gabriele Putzu

Il Municipio di Lugano tende la mano agli esercizi pubblici cittadini fortemente colpiti dalla pandemia con il condono delle tasse di occupazione dell’area pubblica per il semestre 2021. In un comunicato stampa la Città informa di accogliere la richiesta di GastroLugano che, a seguito del perdurare delle chiusure forzate, ha chiesto un sostegno in termini di facilitazioni per utilizzo dell’area pubblica. Sulla base dei dati del 2020, il mancato introito per la Città risultante dal condono delle tasse di occupazione per il primo semestre dell’anno ammonterebbe a circa 260.000 franchi. La misura non si applica ad altre attività commerciali e non è previsto di condonare le tasse per concessioni, autorizzazioni o altro rilasciate dal Municipio ad attività commerciali.

Il 25 marzo scorso il Municipio ha inoltre confermato la disponibilità a mettere in atto anche per il 2021 le agevolazioni adottate nel 2020, in particolare l'estensione del 30% delle aree esterne degli esercizi pubblici e la procedura semplificata per la posa delle terrazze esterne coperte.

Non da ultimo, a favore degli esercizi pubblici decentrati, meno soggetti alla tassa di occupazione dell’area pubblica e quindi meno favoriti dal condono, lo scorso giugno la Città ha deciso un rimborso su richiesta di 500 franchi per gli esercizi decentrati che avessero effettuato lavori di rinnovo o promozione con l’aiuto di aziende basate a Lugano tra il 14 marzo e il 30 novembre 2020.

Le misure già attuate
Il 16 gennaio 2020, prima dell’inizio della pandemia, il Municipio aveva deciso la diminuzione del 15% delle tasse di occupazione del suolo per alberghi e ristoranti a partire dal 2020. A seguito dello scoppio della pandemia, il 18 marzo 2020 il Municipio di Lugano ha sospeso il pagamento della tassa di occupazione dell’area pubblica per il primo semestre dell’anno, tramutando in seguito la sospensione in condono. Questa misura rientrava in un pacchetto più ampio di interventi, volti a salvaguardare la liquidità delle attività economiche in un momento di eccezionale incertezza. Il 7 maggio 2020, il Municipio ha sospeso il pagamento della tassa di occupazione dell’area pubblica per il secondo semestre 2020, tramutando poi la sospensione in condono anche per il secondo semestre. Non da ultimo, a favore degli esercizi pubblici decentrati, meno soggetti alla tassa di occupazione dell’area pubblica e quindi meno favoriti dal condono, lo scorso giugno la Città ha deciso un rimborso su richiesta di 500 franchi per gli esercizi decentrati che avessero effettuato lavori di rinnovo o promozione con l’aiuto di aziende basate a Lugano

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    La ciclopista Paradiso-Melide è sempre più vicina

    Progetto di massima

    Il perno dell’«autostrada ciclabile» che collegherà il Luganese al Mendrisotto potrebbe essere messo in cantiere entro il 2025, per un investimento stimato fra i 30 e i 40 milioni di franchi

  • 2
  • 3

    Quanto è lontana Lugano dall’indipendenza energetica?

    Ambiente ed economia

    Per molti il passaggio dai combustibili fossili al fotovoltaico indica l’alba di una nuova rivoluzione industriale - Ma la nostra regione è al passo coi tempi? È pronta alla sfida? In meno di 10 anni la produzione è passata da 2 a 34 gigawattora

  • 4
  • 5

    Il Molino fa ricorso a modo suo

    LUGANO

    Il centro autogestito fa sapere che non adirà le vie legali contro lo sgombero deciso dalla Città - Comunque promette battaglia e rifiuta qualsiasi possibilità di confronto con il Municipio attuale - «Sarebbe impraticabile e imbarazzante»

  • 1
  • 1