Lugano, un’estrazione a sorte per le casette di Natale

Con un po’ di malumore 15 esercenti si contendono le tre postazioni gastronomiche non ancora assegnate

Lugano, un’estrazione a sorte per le casette di Natale

Lugano, un’estrazione a sorte per le casette di Natale

LUGANO - Per il Natale cittadino quest'anno il Municipio ha deciso di... non decidere.Per selezionare quali esercizi pubblici occuperanno le casette gastronomiche che animeranno piazza Riforma dal 1. dicembre all'Epifania verrà effettuata oggi pomeriggio un'estrazione a sorte. Ma andiamo con ordine.

A differenza di quanto fatto con il Villaggetto estivo, per quello di Natale non è stato indetto un concorso: agli esercenti bastava manifestare il proprio interesse. Questo perché, spiega il direttore del Dicastero cultura ed eventi Roberto Badaracco, «è ormai tradizione che gli esercizi pubblici che si affacciano su piazza della Riforma utilizzino il loro spazio per posizionare un bar all'aperto». Delle dodici casette che saranno posizionate, nove sono già state assegnate agli esercenti della piazza. Per le altre tre – una in piazza della Riforma e due in piazza Manzoni – si sono fatti avanti in ventuno. Di questi, sei sono stati subito scartati perché «privi dei presupposti di base, non essendo neanche a Lugano». Ma come scegliere chi, tra i 15 esercizi rimasti in gara, occuperà le tre casette rimaste a disposizione? Riunito in seduta giovedì scorso, il Municipio ha deciso di affidarsi alla sorte. «Definire dei requisiti di qualità sarebbe stato troppo difficile visto il numero esiguo di casette da assegnare», ha reso noto Badaracco.

All'estrazione, che avverrà oggi alle 14, dovrebbero essere presenti gli esercenti coinvolti. Il condizionale è d'obbligo perché alcuni di loro, da noi contattati, hanno detto che non assisteranno. A creare un po' di malumore, oltre alla modalità di scelta (c'è chi si chiede «perché non è stato fatto un concorso» e se «qualcuno ha controllato che i bar che partecipano alla lotteria siano in regola»), è la tempistica. Il villaggio natalizio prenderà il via il 1. dicembre e gli esercenti scelti avranno solo quindici giorni per organizzarsi. A queste condizioni, ci hanno detto alcuni di loro, è difficile proporre qualcosa di originale e ben fatto. Alle tre postazioni se ne aggiunge una quarta situata in piazza San Carlo. Sarà attiva solo dal 1. al 12 dicembre e non è ancora chiaro come avrà luogo la sua attribuzione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Lugano

    Misure anti-COVID, la protesta cambia volto

    Al raduno «filosofia in piazza» organizzato dall’Associazione Amici della Costituzione di questo pomeriggio in Piazza Manzoni sono presenti anche Werner Nussbaumer e il noto opinionista televisivo Diego Fusaro - Attualmente si contano circa 200 persone tra membri e simpatizzanti - FOTO e VIDEO

  • 2
    Verso il voto sul PSE

    A Lugano sei referendum in 75 anni: ecco com’è andata

    Dal 1946 a oggi i Luganesi hanno bocciato quattro volte le scelte della politica, confermandole però in due occasioni - Respinte invece due iniziative popolari - L’ultima volta alle urne un decennio fa, per la rinaturazione della Foce

  • 3
    Torricella-Taverne

    Litigi in Municipio e maretta anche a scuola

    I dissidi interni all’Esecutivo sarebbero riconducibili anche a problemi avvenuti alle Elementari, dove un docente è stato lasciato a casa suscitando il malumore di alcuni genitori: «Sono stato allontanato a causa delle frizioni con la direzione»

  • 4
  • 5
    Torricella-Taverne

    Ancora litigi a Taverne: «Sì, non c’è un buon clima»

    Il cambio della maggioranza all’interno dell’Esecutivo rompe gli equilibri – In poche settimane al vicesindaco è stato tolto il Dicastero educazione, mentre un municipale è stato segnalato dai colleghi agli Enti locali - Il sindaco: «Qualcuno si è messo un po’ di traverso»

  • 1