Lui nascondeva la droga, lei non sapeva fosse cocaina

Processo

Condannati per spaccio due fidanzati iracheni, adesso devono separarsi: per l’uomo il giudice ha deciso l’espulsione

 Lui nascondeva la droga, lei non sapeva fosse cocaina
(archivio CdT)

Lui nascondeva la droga, lei non sapeva fosse cocaina

(archivio CdT)

LUGANO - Lui dovrà lasciare la Svizzera, lei potrà rimanere nel Luganese con i suoi tre figli, avuti dall’ex marito. Termina così, a meno di eventuali ricorsi in appello, la storia sentimentale di due curdi-iracheni di 34 anni condannati ieri per spaccio di cocaina dalla Corte delle Assise correzionali presieduta dal giudice Marco Villa, che in realtà alla storia d’amore tra i due non ha creduto fino in fondo. L’uomo, riconosciuto colpevole di infrazione aggravata alla legge sugli stupefacenti, è stato condannato a una pena detentiva di quindici mesi, di cui 10 da espiare e gli altri sospesi per tre anni; alla donna è stata inflitta invece una pena detentiva di 7 mesi sospesa per tre anni per infrazione semplice. Tra il 2017 e il 2018 la cocaina, tanta (qualche centinaio di grammi) e purissima,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1