Melide Lugano: ripartono i treni, ma i disagi non sono ancora finiti

Traffico ferroviario

I ritardi residui dopo l’incidente di questa mattina e la congestione di passeggeri in attesa non si risolverà immediatamente

Melide Lugano: ripartono i treni, ma i disagi non sono ancora finiti

Melide Lugano: ripartono i treni, ma i disagi non sono ancora finiti

Melide Lugano: ripartono i treni, ma i disagi non sono ancora finiti
© Facebook

Melide Lugano: ripartono i treni, ma i disagi non sono ancora finiti

© Facebook

Melide Lugano: ripartono i treni, ma i disagi non sono ancora finiti
© CDT/Archivio

Melide Lugano: ripartono i treni, ma i disagi non sono ancora finiti

© CDT/Archivio

La mattinata di passione per i pendolari ticinesi e frontalieri potrebbe presto risolversi. Il disservizio che ha visto coinvolti i treni delle tratte Lugano-Melide-Lugano alle prime ore dell’alba di questo lunedì, lasciando a piedi centinaia di passeggeri, si è infatti risolto. Ne danno conferma le Ferrovie federali.

©CDT/Nico Nonella
©CDT/Nico Nonella

Dopo l’incidente che alle 5.30 ha paralizzato il traffico ferroviario, i treni sono infatti tornati ora a circolare ma i ritardi residui e la congestione di passeggeri in attesa non si risolverà immediatamente. Ulteriori perturbazioni, perdite di coincidenza e possibili soppressioni potranno ancora verificarsi probabilmente non oltre le 9.30.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Red. Online
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

    Viaggio fra i segreti della Lugano del futuro

    Città alta

    Gettate le basi per rivoluzionare la zona della stazione in ossequio al concetto di sviluppo centripeto - Previsti un potenziale nuovo fronte abitato affacciato su via Basilea e sul piazzale di Besso, l’ampliamento del parco Tassino e la creazione del parco Lucerna

  • 5

    Ecco perché il processo a Enderlin è da rifare

    Scandalo Carige

    La Corte di cassazione italiana ha depositato le motivazioni della decisione con cui ha chiesto di rivalutare l’assoluzione dell’ex politico ticinese: «Quella sentenza è afflitta da illogicità manifeste»

  • 1
  • 1