Misure di rilancio, la politica si dà sei mesi

pandemia

In Commissione gestione e finanze è in dirittura d’arrivo il rapporto sul Preventivo 2021 – La firma dovrebbe arrivare già la prossima settimana è l’indicazione al Governo è di presentare delle misure di rientro per giugno - Matteo Quadranti: «Venga data la priorità all’autofinanziamento»

Misure di rilancio, la politica si dà sei mesi
© CdT

Misure di rilancio, la politica si dà sei mesi

© CdT

Diamoci tempo ancora sei mesi. È questa, in estrema sintesi, la tempistica che la Commissione gestione e finanze dovrebbe indicare al Consiglio di Stato per presentare delle misure di rientro del deficit generato in gran parte dalla pandemia di coronavirus. Nel relativo rapporto commissionale sul Preventivo 2021, che verrà verosimilmente firmato la prossima settimana (o in alternativa quella dopo con la clausola di urgenza) – e questa è la prima novità di giornata – il gremio presieduto da Matteo Quadranti metterà nero su bianco questa richiesta. Una prima rotta per uscire dalle acque agitate dallo tsunami finanziario che ha colpito i conti del Cantone – e veniamo appunto alla seconda novità – verrà tracciata nel corso di questi sei mesi.

La svolta in Commissione, ci spiega Quadranti, è arrivata...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1