Mortale di Grancia, l’accusa ipotizzata è di omicidio intenzionale

luganese

Martedì gli inquirenti hanno ascoltato nuovamente il 20.enne che lo scorso 12 febbraio provocò la morte di una 17.enne del Luganese - Quella non era la sua prima corsa

Mortale di Grancia, l’accusa ipotizzata è di omicidio intenzionale
© RescueMedia

Mortale di Grancia, l’accusa ipotizzata è di omicidio intenzionale

© RescueMedia

È stata consegnata la perizia sull’incidente con esiti mortali avvenuto lo scorso 12 febbraio al centro commerciale di Grancia. Per il 20.enne portoghese che, quella sera, era alla guida quando avvenne l’incidente in cui morì una 17.enne del Luganese, l’accusa ipotizzata è di omicidio intenzionale per dolo eventuale, e non più omicidio colposo. Come riferito dalla RSI, martedì gli inquirenti hanno nuovamente ascoltato il giovane, contestandogli i risultati della perizia giudiziaria disposta per far luce sulla dinamica. L’ingegner Massimo Dalessi ha stabilito che la vettura, direttasi inizialmente (attorno alle 23) verso nord, ha invertito la rotta e, presa la rincorsa, ha raggiunto quasi i 100 chilometri orari sobbalzando e capovolgendosi sul tetto. Nell’istante in cui ha sbattuto contro il palo, la velocità era di molto inferiore, ma per la 17.enne non ci fu comunque nulla da fare: morì sul colpo.

A bordo dell’auto, una Polo, v’erano in totale cinque persone: altri tre ragazzi di età compresa tra i 16 e i 19 anni, rimasti feriti.

La ricostruzione del perito coincide sostanzialmente con quanto raccontato dal 20.enne. «Il mio cliente ha collaborato sin da subito alle indagini», ha dichiarato alla RSI il legale del giovane. Proprio il ragazzo, che quella sera non aveva assunto né alcol né droga, ha dichiarato che quella non era la prima volta. Già in precedenza aveva usato a mo’ di pista la stradina che passa dietro i grandi magazzini.

L’inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    I molinari «occupano» il parco di Villa Saroli

    Lugano

    Molinari dapprima in piazza, ombrelli con il sole per non farsi filmare e poi nel parco, che potrebbe essere occupato sino a tarda notte - Va in scena a Lugano un’altra manifestazione del Centro sociale il Molino (CSOA) e i sostenitori dell’autogestione: «Contro ogni gabbia, scateniamo la nostra rabbia!» - Catene sul cancello del Municipio, almeno 200 i presenti - FOTO e VIDEO

  • 3
  • 4

    Nelle mail tra le due polizie i dettagli della demolizione

    Ex Macello

    Nuove rivelazioni sembrano confermare che gli agenti agirono in base a quanto già discusso in marzo – La Cantonale chiese se, sgomberati gli spazi, si poteva procedere con l’abbattimento del dormitorio – La Comunale disse di sì

  • 5

    Il villaggio Reka è pronto a rinascere

    Lugano

    Prevista per giugno l’inaugurazione della rinnovata struttura Reka alle pendici del Brè - Il terreno ospiterà sette edifici in legno per cinquanta appartamenti, un ristorante e una piscina con vista sul lago - Investiti 36 milioni - Il direttore: «Nel nostro portafoglio non c’è niente di simile»

  • 1
  • 1