Musica e drink alla foce, ma solo per 300

LUGANO

Al via questo fine settimana l’entrata serale all’area su prenotazione: ecco come funziona

Musica e drink alla foce, ma solo per 300
© CdT/Gabriele Putzu

Musica e drink alla foce, ma solo per 300

© CdT/Gabriele Putzu

Musica e drink alla foce, ma solo per 300

Musica e drink alla foce, ma solo per 300

Musica e drink alla foce, ma solo per 300

Musica e drink alla foce, ma solo per 300

Musica e drink alla foce, ma solo per 300

Musica e drink alla foce, ma solo per 300

Foce del Cassarate su prenotazione, si parte! Da stasera, giovedì 16 luglio, a sabato l‘accesso serale all’area di svago della foce di Lugano sarà limitato. L’accesso sarà controllato dalle 20.30 all’1 del mattino e agli avventori, che potranno accedere all’area previa prenotazione sul portale prenota.lugano.ch, verrà distribuito un braccialetto ed è previsto un intrattenimento musicale. Non si potrà accedere alla zona con alcolici o bottiglie di vetro, ma per garantire agli avventori la possibilità di acquistare bevande da consumare sul posto sono state analizzate diverse possibilità: chiosco, food truck e buvette degli esercizi pubblici presenti in loco. Per questo fine settimana la Città ha optato per la soluzione provvisoria del food truck ma con alcune limitazioni: l’orario di apertura è limitato, con chiusura alle 22.30 e termine per la vendita di alcolici alle 21 il giovedì, alle 19 nei giorni feriali, alle 18.30 il sabato e alle 18 la domenica (questo in conformità alla Legge cantonale sull’apertura dei negozi). La Città fa sapere che al termine del weekend si valuterà l’impatto dell’uso dell’area con questa modalità e un’eventuale possibile gestione della mescita da parte della ristorazione presente in loco.

Il numero di persone massimo questo fine settimana è di 300 persone a sera. Ricordiamo che la foce resterà normalmente fruibile di giorno, fino alle 19.30, e la sera dal lunedì al mercoledì e la domenica.

«È un bel segnale perché si torna a vivere un’area che è rimasta chiusa per un fine settimana», ha detto oggi nel corso dell’infopoint del Municipio di Lugano il capodicastero Roberto Badaracco. Dopo i disordini e gli assembramenti registrati nelle scorse settimane, infatti, giovedì scorso la Città aveva deciso di dire basta chiudendo del tutto lo spazio per un weekend. «Non bisogna dimenticare - ha aggiunto il sindaco Marco Borradori - che siamo alle prese con il coronavirus e dobbiamo garantire il rispetto delle norme di comportamento».

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1