«Non può tornare in Svizzera nemmeno per un caffè»

PROCESSO

Condannato per furto ed espulso per quindici anni un albanese venuto in Ticino nonostante un divieto d’entrata

«Non può tornare in Svizzera nemmeno per un caffè»
Ha rubato due collezioni: di francobolli e di monete. (Foto Zocchetti)

«Non può tornare in Svizzera nemmeno per un caffè»

Ha rubato due collezioni: di francobolli e di monete. (Foto Zocchetti)

L’espulsione può tenere una persona lontana dalla Svizzera per un bel pezzo di vita. Soprattutto se il «cartellino rosso» non è il primo. Lo sa bene, adesso, il quarantenne albanese condannato ieri alle Correzionali per aver rubato da una casa di Steffisburg, nel Canton Berna, una collezione di monete, una di francobolli e un apparecchio a pressa del valore totale di 8.800 franchi....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1