Occhio, i falsi nipoti sfruttano il coronavirus

LUGANO

La pandemia viene usata da chi estorce denaro agli anziani fingendo di essere un parente in difficoltà - Dicono di aver bisogno di soldi per pagare le cure in terapia intensiva - Una vittima della truffa racconta la sua storia

Occhio, i falsi nipoti sfruttano il coronavirus
Dall’altra parte della cornetta potrebbe esserci chiunque.  (Foto Archivio CdT)

Occhio, i falsi nipoti sfruttano il coronavirus

Dall’altra parte della cornetta potrebbe esserci chiunque.  (Foto Archivio CdT)

Tra gli innumerevoli problemi causati dalla pandemia c’è il fatto di aver offerto un’arma in più agli ormai famosi falsi nipoti, cioè quei criminali che riescono a estorcere denaro agli anziani fingendo di essere dei familiari in difficoltà. Il fenomeno, che ieri a Lugano è stato al centro di un processo terminato con la condanna di un giovane polacco a 20 mesi di detenzione e a 7 anni di espulsione, non sembra diminuire d’intensità. Anzi. «Queste truffe sono tra le più frequenti» ci confermano dal Servizio comunicazione della Polizia cantonale. «Le importanti e periodiche campagne di prevenzione hanno permesso di contenere il numero delle vittime, rendendo però ancora più intraprendenti gli autori dei raggiri che, in alcuni casi, non hanno esitato a fingersi ricoverati nel reparto di cure...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Arogno aspetta il voto per essere escluso

    Aggregazioni

    Lunedì il Gran Consiglio deciderà che forma avrà il nuovo Comune di Val Mara - Salvo clamorosi ribaltoni sarà composto solo da Maroggia, Melano e Rovio - I favorevoli all’unione a quattro: «Accettiamo il responso, con la speranza di poter rientrare in seguito»

  • 2

    L’ATG bacchetta Gobbi per le accuse alla stampa

    ex macello

    L’Associazione ticinese dei giornalisti critica le comunicazioni dei politici in merito al Molino: «Significa non riconoscere ai media il loro ruolo, che è quello di porre domande, di chiedersi cosa è successo e cosa sta succedendo, usando pure la leva della critica»

  • 3

    L’avanzo d’esercizio viene da sotto Villa Negroni

    Lugano

    La Città ha chiuso il 2020 nelle cifre nere grazie a una vertenza con la AlpTransit San Gottardo SA - Non era stato trovato un accordo per l’espropriazione di un terreno a Vezia - Alla fine ha deciso la Commissione federale di stima e Palazzo civico ha incassato 3,6 milioni di franchi

  • 4

    Il voto dimenticato del ‘57, quando Lugano aprì le urne alle donne

    Storia

    Tutti ricordano «la protesta di Unterbäch», quanto il piccolo villaggio vallesano, con 14 anni di anticipo rispetto al resto della Svizzera, accordò il suffragio femminile - Ma lo stesso giorno un episodio analogo, oggi perlopiù dimenticato, accadde anche sulle rive del Ceresio

  • 5

    «Dalla polizia una chiamata alle 20 per procurare operai e mezzi»

    ex macello

    A un impiegato comunale, riporta il Caffè, sarebbe stato chiesto di prendere contatto con una delle tre ditte poi coinvolte nell’operazione di demolizione almeno un’ora prima che al Municipio venisse comunicata dalla polizia l’eventualità dell’abbattimento del tetto

  • 1
  • 1