Oltre al castello un anfiteatro naturale

Torricella

Il progetto dell’associazione Castrum Tabernarum per rilanciare la zona del dosso di Taverne è a un passo dall’entrare nella fase esecutiva - Oltre all’antica roccaforte, si valorizzeranno manufatti delle grandi guerre e una vecchia cava di pietre

 Oltre al castello un anfiteatro naturale
Come s’immagina l’anfiteatro naturale nel pozzo Orpera. ©PALLADINO ARCHITETTI

Oltre al castello un anfiteatro naturale

Come s’immagina l’anfiteatro naturale nel pozzo Orpera. ©PALLADINO ARCHITETTI

 Oltre al castello un anfiteatro naturale
Un manufatto militare con un esempio di tavola sinottica che si vuole apporre. ©PALLADINO ARCHITETTI

Oltre al castello un anfiteatro naturale

Un manufatto militare con un esempio di tavola sinottica che si vuole apporre. ©PALLADINO ARCHITETTI

Sul dosso di Taverne, cinquecento anni fa c’era un castello. Si sospetta (ma le informazioni sono scarse) che possa essere stato costruito dalla potente famiglia Rusca nel tardo Medioevo e che possa essere stato distrutto – come diversi altri - dai confederati pochi anni dopo la battaglia di Marignano del 1515: forse per segnalare che ora c’era un nuovo padrone, forse per evitare che potesse essere usato come base da una forza nemica per dare l’assalto a Bellinzona. Sia come sia, quel che resta del castello potrebbe presto tornare fruibile al pubblico: ci sta lavorando da una mezza dozzina d’anni l’associazione Castrum Tabernarum, in stretta collaborazione con il Comune di Torricella-Taverne e con il Dipartimento del territorio, e si è giunti a un momento importante: la pubblicazione negli...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Riecco le mountain bike in centro a Lugano

    Sabato e domenica

    La città torna a ospitare gare e amanti delle due ruote con la quarta edizione di Bike Emotions - Presenti diversi specialisti, fra cui il ticinese Filippo Colombo

  • 2

    Il verde di Lugano contro le polveri sottili

    Lo studio

    La Città sul Ceresio collabora con Bolzano, capitale dell’Alto Adige, su strategie innovative per la gestione del verde pubblico attraverso il progetto Interreg VerdeVale: ecco i primi risultati

  • 3

    La grande storia della porta seclera di Massagno

    Solidarietà

    Nel 1990 il Comune inviò a Ghipes, in Romania, 85 quintali di vestiti, cibo e medicinali raccolti in una settimana nell’ambito di un’operazione umanitaria - Fu un viaggio avventuroso: «Ci spararono contro» - Nel 1993 dal villaggio arrivò in dono l’opera lignea che è stata restaurata di recente

  • 4
  • 5

    Un luogo per rallentare la demenza

    Manno

    La Croce Rossa ha ampliato il Centro diurno e ora offre la possibilità ai suoi ospiti di mantenere il più a lungo possibile le capacità intellettive e cognitive attraverso cure e terapie specifiche e anche una nuova stanza multisensoriale

  • 1
  • 1