«Oratorio di Tesserete, ci voleva più informazione»

luganese

Con un’iniziativa popolare comunale, alcuni cittadini si sono opposti al progetto di ripianificazione dell’area - Ne abbiamo parlato con Manuel Borla, membro del comitato di questa iniziativa

«Oratorio di Tesserete, ci voleva più informazione»
A non convincere gli iniziativisti sono i volumi costruibili sulla strada fissati nel Piano regolatore particolareggiato /© CdT/Chiara Zocchetti

«Oratorio di Tesserete, ci voleva più informazione»

A non convincere gli iniziativisti sono i volumi costruibili sulla strada fissati nel Piano regolatore particolareggiato /© CdT/Chiara Zocchetti

Anni di lavoro per arrivare a pianificare lo sviluppo urbanistico di un Comune per poi scoprire che una parte più o meno consistente della popolazione, di quel progetto, non ne vuole sapere. È una situazione che si è riproposta sovente in tempi recenti. Per capire come si arrivi a questo punto abbiamo parlato con Manuel Borla, membro di un comitato di iniziativa popolare comunale che si oppone a un progetto per ripensare l’area dell’oratorio a Tesserete.

Signor Borla, la proposta pianificatoria prevede una riorganizzazione dell’area dell’oratorio, fissando i parametri per creare una nuova piazza e nuove costruzioni sul lato delle scuole: cosa non vi convince?

«Riteniamo che questi interventi compromettano il valore storico, paesaggistico, identitario e sociale del centro dell’antica Pieve. Qualora...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1