Ospedale Civico, limato l'aumento dei posteggi

L'EOC propone una variante al progetto del nuovo autosilo, riducendo i posti auto del 5% per venire incontro alle richieste dell'Associazione traffico e ambiente

Ospedale Civico, limato l'aumento dei posteggi
Un'immagine del progetto presentato in gennaio

Ospedale Civico, limato l'aumento dei posteggi

Un'immagine del progetto presentato in gennaio

LUGANO - Tanti o pochi, troppi o insufficienti: i posti auto del parcheggio dell'Ospedale Civico fanno discutere da sempre, anche quando si parla di quelli che ancora non ci sono. Era stato infatti in particolare (ma non solo) l'aumento del numero di posteggi previsto dal progetto di ampliamento della piastra base a far scattare un'opposizione dell'Associazione traffico e ambiente contro la domanda di costruzione pubblicata in gennaio. Ora l'EOC per sbloccare la situazione ha appena posto in pubblicazione una variante che di fatto elimina 36 posti auto, 30 interrati e 6 esterni, corrispondenti al 5% del totale. Secondo la nuova proposta - in pubblicazione fino al 2 ottobre - si passa da 738 a 708 interrati e da 18 a 12 fuori terra. I posti auto aumenteranno sì (dagli attuali circa 520) ma in maniera meno marcata. Quelli per le moto salgono di due unità (da 140 a 142), mentre quelli per le bici restano 96.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Progetto di massima

    La ciclopista Paradiso-Melide è sempre più vicina

    Il perno dell’«autostrada ciclabile» che collegherà il Luganese al Mendrisotto potrebbe essere messo in cantiere entro il 2025, per un investimento stimato fra i 30 e i 40 milioni di franchi

  • 2
  • 3
    Ambiente ed economia

    Quanto è lontana Lugano dall’indipendenza energetica?

    Per molti il passaggio dai combustibili fossili al fotovoltaico indica l’alba di una nuova rivoluzione industriale - Ma la nostra regione è al passo coi tempi? È pronta alla sfida? In meno di 10 anni la produzione è passata da 2 a 34 gigawattora

  • 4
  • 5
    LUGANO

    Il Molino fa ricorso a modo suo

    Il centro autogestito fa sapere che non adirà le vie legali contro lo sgombero deciso dalla Città - Comunque promette battaglia e rifiuta qualsiasi possibilità di confronto con il Municipio attuale - «Sarebbe impraticabile e imbarazzante»

  • 1