Pausa di riflessione sullo scalo: un’idea che ha fatto breccia

lugano-agno

Malgrado un po’ di sorpresa, quasi tutti i gruppi in Consiglio comunale sono pronti a tornare a discutere il futuro dell’aeroporto come proposto da Filippo Lombardi - Le divergenze di visione tra i partiti restano

Pausa di riflessione sullo scalo: un’idea che ha fatto breccia
©CDT/ARCHIVIO

Pausa di riflessione sullo scalo: un’idea che ha fatto breccia

©CDT/ARCHIVIO

Visto che alla Città la gestione dell’aeroporto di Lugano-Agno non risulta al momento particolarmente onerosa (i conti sono vicini al pareggio), c’è improvvisamente più tempo per valutare che futuro dargli. Questo, in estrema sintesi, il pensiero espresso da Filippo Lombardi, municipale responsabile del dossier aeroporto, il quale ha anche avanzato il desiderio di discutere alcuni di questi aspetti a breve con il Consiglio comunale. «Dobbiamo darci un’altra scadenza per la vendita ai privati? – ha detto. – O ci prendiamo del tempo per ripensare il tutto portando avanti intanto alcuni interventi che sono probabilmente più facili da realizzare per la Città che per i privati?». Domande che abbiamo girato ai capigruppo in Consiglio comunale per capire, a caldo, che direzione potrebbe prendere la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    Niente licenza: «Al momento le palazzine non si fanno»

    Melano

    Non c’è il benestare per il progetto che prevedeva la realizzazione di cinque edifici per un totale di circa cento appartamenti – Avviata una verifica del dimensionamento delle zone edificabili – Il sindaco Maffei: «Siamo oltre i parametri»

  • 3
  • 4

    «La polizia voleva intervenire sullo stabile»

    Ex Macello

    Già l’11 marzo il Municipio decise lo sgombero, ma poi cambiò idea e optò per la disdetta - Comunale e cantonale erano consapevoli che il problema principale sarebbe stato il controllo dell’area dopo la demolizione e avevano ventilato l’ipotesi di intervenire sulla struttura

  • 5

    Ecco il piano di Bally per Villa Heleneum

    Lugano

    Il Municipio spiega perché ha scelto il progetto espositivo dell’azienda di Caslano - «È una proposta che stimola esperienze nuove: in Ticino mancano spazi museali dedicati alla moda» - I nuovi gestori investiranno per adeguare gli spazi interni e verseranno un affitto annuo al Comune

  • 1
  • 1