Prete privo di certificato COVID: la messa è solo per pochi

AGNO

Il sacerdote del paese è stato escluso dalle funzioni con più di cinquanta persone – Per le altre dovrà trovare e pagare dei supplenti

Prete privo di certificato COVID: la messa è solo per pochi
La chiesa parrocchiale di Agno.  (Foto Zocchetti)

Prete privo di certificato COVID: la messa è solo per pochi

La chiesa parrocchiale di Agno.  (Foto Zocchetti)

Il dibattito sui vaccini è ormai un fiume in piena che arriva ovunque, anche in un luogo di silenzio e riflessione come la chiesa. Succede ad Agno, dove al sacerdote viene impedito di celebrare le messe con più di cinquanta persone perché, per motivi personali, non ha un certificato COVID, come anticipato da Ticinonline. Una parentesi: per partecipare alle funzioni con meno di cinquanta persone basta indossare la mascherina, tenere le distanze e fornire i dati per il tracciamento, mentre con più di cinquanta serve il certificato COVID. E questo vale anche per i preti, per tutelare la salute di tutti i presenti. Così, basandosi su indicazioni date dalla Curia, il Consiglio parrocchiale ha deciso che il sacerdote potrà celebrare solo la messa domenicale delle 8, pensata per i fedeli non vaccinati e con il tetto massimo di cinquanta persone, mentre alle funzioni del sabato alle 18 e della domenica alle 10, più frequentate, ci saranno dei preti supplenti in possesso del certificato COVID. Quali? Dovrà trovarli il parroco in carica. Trovarli e pagar loro le spese. Una «punizione finanziaria» per non essersi adeguato alla regole? «Non è una punizione né una ritorsione» commenta il presidente del Consiglio parrocchiale Carlo Bottini, da noi raggiunto. «Innanzitutto, sulla questione dei supplenti e dei loro rimborsi ci siamo solo adeguati a quanto indicato dalla Diocesi in una lettera inviata al nostro parroco, che aveva chiesto delle delucidazioni. Del resto il sacerdote riceve un salario, ed è giusto che se delega un lavoro copra lui le relative spese. E il nostro prete non ha sollevato obiezioni in tal senso, e ha proposto lui la soluzione della messa delle 8 di mattina».

«Il messaggio è chiaro»
Da noi contattata, la Diocesi conferma il suo totale allineamento alle direttive federali e cantonali sul coronavirus. Una raccomandazione di vaccinarsi indirizzata in modo specifico ai preti non c’è stata, ma la posizione della Curia è chiara: «Il vescovo ha ribadito in più occasioni pubbliche l’importanza del vaccino – ci spiega il portavoce Luca Montagner – poi certo, non possiamo obbligare un prete a vaccinarsi: su questo c’è la libertà di scelta».

E la fede?

Per chi non è credente, la questione non si pone: la chiesa è un luogo d’aggregazione come altri, un edificio in cui vanno fatte rispettare certe regole, anche perché frequentato da molti anziani. Per chi invece è credente, o almeno per alcuni di loro, nel ragionamento qualcosa non torna. «E la fede? – ci ha chiesto una lettrice – Non ha più importanza?». La chiesa è davvero equiparabile a un cinema, un ristorante o una sala bingo? Domande che abbiamo girato a Nicola Zanini, vicario generale della Diocesi. «Il tempo tribolato che stiamo vivendo esige ancora sacrifici – ci ha scritto – ma è importante continuare a vivere questa situazione con intelligenza e grandezza d’animo. In questo, la Fede è sicuramente un aiuto fondamentale. Non dobbiamo sentirci soffocati dalle superiori decisioni, ma essere convinti di dover agire insieme per il bene comune. La tentazione di cedere alla recriminazione o al lamento è forte. Tuttavia, come cristiani, siamo invitati a portare una testimonianza diversa. Quella di chi ha gli occhi anche per il dolore dell’altro, dei malati, dei loro familiari, di chi li deve curare, di tutte le categorie più fragili. Inoltre, l’attenzione a chi non può vaccinarsi è garantita, perché può partecipare alle Celebrazioni, e ve ne sono, con meno di cinquanta persone».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Davide Enderlin a processo

    Lugano

    Rinviato a giudizio l’ex consigliere comunale luganese, che dovrà rispondere di illeciti per oltre tre milioni

  • 2
  • 3

    Fiamme in un appartamento a Lugano

    Ticino

    Il rogo è divampato in una palazzina di via Gerso - Gli inquilini sono stati tratti in salvo - Al momento non sono note le cause che hanno generato il sinistro - FOTO e VIDEO

  • 4
  • 5

    Con Umamy l’integrazione passerà dal piatto

    Lugano

    Il nuovo progetto della Croce Rossa Sezione del Sottoceneri è un servizio di consegna di cibo etnico a Lugano: «Chi lo userà non acquisterà solo cibo, ma una storia di vita, i sapori di un viaggio, un progetto di inclusione sociale» - Disponibile un piatto al giorno (anche in versione vegana), e ogni settimana cambierà la regione da cui provengono le ricette – FOTO

  • 1
  • 1