Piano viario

Prima regola per i ciclisti a Lugano: portare a casa la pelle

Nella terza e ultima puntata della nostra serie raccontiamo l’esperienza di chi sceglie la bici – La città è un percorso a ostacoli e la convivenza con i pedoni non è mai stata tanto burrascosa

Prima regola per i ciclisti a Lugano: portare a casa la pelle
Occhio. Soprattutto quando le linee gialle finiscono. (Foto Zocchetti)

Prima regola per i ciclisti a Lugano: portare a casa la pelle

Occhio. Soprattutto quando le linee gialle finiscono. (Foto Zocchetti)

L’ultimo tratto del nostro viaggio dentro il Piano viario lo affrontiamo sulle due ruote. Insieme a Marco Gerosa, titolare di un negozio di biciclette in città, ci mettiamo nei panni di chi ogni giorno sceglie di spostarsi sui pedali a Lugano e deve fare i conti con le macchine (protagoniste della prima puntata), i bus (della seconda), le corsie ciclabili che in un attimo svaniscono,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Lugano
  • 1