Purtroppo non è un film: licenziamenti al Cinestar

LUGANO

Il multisala ha provveduto a diversi tagli e i sindacati sono al lavoro per cercare soluzioni con la proprietà - Il settore era in difficoltà da tempo e il 2020 potrebbe metterlo completamente in ginocchio - Pochi spettatori, pochissime produzioni

Purtroppo non è un film: licenziamenti al Cinestar
Brutta storia. © CdT/Zocchetti

Purtroppo non è un film: licenziamenti al Cinestar

Brutta storia. © CdT/Zocchetti

Brutte notizie dal Cinestar di Lugano. Secondo informazioni ricevute nella serata di ieri e confermate, anche se non ufficialmente, da più fonti, alcuni dipendenti della struttura gestita dal gruppo Arena hanno ricevuto una lettera di licenziamento. Le persone toccate sono circa un terzo su una quindicina d’impiegati. Il caso è stato segnalato nei giorni scorsi al sindacato OCST, che si è attivato scrivendo una lettera alla direzione. La comunicazione è appena stata inviata, quindi le parti non si sono ancora incontrate. L’obiettivo della Cristiano sociale è capire se l’azienda, facendo capo ai contributi cantonali per l’orario ridotto, può annullare il provvedimento o perlomeno posticiparlo, sperando che nel frattempo il settore si riprenda. Da noi contattato, il responsabile del cinema luganese...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Fiamme al Liceo di Lugano 1

    Lugano

    L’edificio è stato fatto evacuare e i pompieri si sono precipitati sul posto: avrebbe preso fuoco un armadietto

  • 2

    Intrappolato tra il furgone e il muro

    Luganese

    Curioso incidente in via San Gottardo a Massagno: un uomo è rimasto incastrato contro una parete dopo esser sceso dal suo veicolo che si è poi messo in movimento - FOTO e VIDEO

  • 3
  • 4
  • 5

    Malattia mentale, terrorismo o un mix dei due?

    L’analisi

    L’accoltellamento di Lugano porta alla luce anche da noi un dilemma noto nelle città colpite dai lupi solitari - Esperti spiegano i motivi che portano gli estremisti a reclutare persone deboli: «La religioni spesso c’entra poco»

  • 1
  • 1