Quanti minuti si perdono a Lugano aspettando il verde?

In città

Da corso Elvezia all’ex asilo Ciani, da via Pretorio a viale Castagnola e così via: abbiamo fatto un test per capire quanto devono pazientare i pedoni ai semafori - Bertini: «All’incrocio della Piccionaia mi sale il nervoso» - Jelmini: «Ancora troppi vantaggi alle auto»

Quanti minuti si perdono a Lugano aspettando il verde?
© CdT/ Chiara Zocchetti

Quanti minuti si perdono a Lugano aspettando il verde?

© CdT/ Chiara Zocchetti

Alzi la mano chi, in centro a Lugano, non ha mai maledetto uno di quei semafori che per i pedoni non sembrano voler diventare verdi. Alzi la mano chi non ha mai messo in dubbio il QI dei semafori cosiddetti intelligenti. Noi - con la consapevolezza di non poter produrre uno studio scientifico - abbiamo fatto un piccolo test. Cronometro alla mano abbiamo girato il centro e abbiamo registrato tempi d’attesa tutto sommato accettabili. Ma qualche problema l’abbiamo riscontrato. E non siamo gli unici visto che a breve la questione verrà trattata dal Municipio e - vedasi ultimo paragrafo - è probabile che a una quindicina di semafori verranno apportati dei correttivi. «Non nego - conferma il vicesindaco Michele Bertini - la criticità di alcuni punti. Il più emblematico è secondo me il passaggio alla...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 John Robbiani
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1