Quasi 90 kg di rifiuti raccolti tra Parco Ciani, la Foce e il fiume Cassarate

Lugano

Grazie all’iniziativa di un gruppo interpartitico di consiglieri comunali e candidati alle ultime elezioni sono state raccolte bottiglie in vetro, stanghe di ferro, lamiere di alluminio, palloni da calcio, qualche cartello, lattine e diversi pezzi di plastiche

Quasi 90 kg di rifiuti raccolti tra Parco Ciani, la Foce e il fiume Cassarate

Quasi 90 kg di rifiuti raccolti tra Parco Ciani, la Foce e il fiume Cassarate

Quasi 90 kg di rifiuti raccolti tra Parco Ciani, la Foce e il fiume Cassarate

Quasi 90 kg di rifiuti raccolti tra Parco Ciani, la Foce e il fiume Cassarate

Quasi 90 kg di rifiuti raccolti tra Parco Ciani, la Foce e il fiume Cassarate

Quasi 90 kg di rifiuti raccolti tra Parco Ciani, la Foce e il fiume Cassarate

Sabato 8 maggio è stata organizzata una raccolta rifiuti che ha interessato il Parco Ciani, la Foce e il fiume Cassarate, fino all’altezza della nuova Uni di Viganello. L’iniziativa è nata in collaborazione con il Gruppo Verde Speranza e un gruppo interpartitico di consiglieri comunali e candidati delle ultime elezioni, che ha permesso la raccolta di ben 87kg di rifiuti.

La pulizia del fiume ha permesso di raccogliere diverse tipologie di rifiuti, dalle ormai classiche bottiglie in vetro, stanghe di ferro, lamiere di alluminio, palloni da calcio, qualche cartello, lattine e diversi pezzi di plastiche che poi con il tempo si trasformano in quelle microplastiche che ormai sono in quantità eccessiva anche nel Ceresio. Per quel che concerne la foce e le spiaggette la quantità di mozziconi di sigarette è veramente impressionante, mentre sotto le passerelle in legno, che costeggiano le spiaggette e gli argini, si trova di tutto, ma è molto difficoltoso fare una pulizia completa, purtroppo alla prossima piena del fiume sarà tutto materiale, lattine, bottiglie e plastiche varie, che finiranno nel Ceresio. Dopo questa interessante, motivante e utile giornata “sociale” al servizio del territorio e delle sua salvaguardia, il gruppo interpartitico, composto da Bartolini Massimo e Davide Sale (Verdi Liberali), Laura Kämpf e Rodolfo Pulino (Lega), Tatjana Ibrahimovic, Margherita Sulmoni, Marianna Meyer Salvioni (PLR) Sara Beretta Piccoli (MTL) Tamara Merlo (+donne) Mattea David (PS) e Melita Jalkanen (Verdi), si ripropone di organizzare ancora delle giornate simili al servizio del territorio e dei cittadini sperando che anche altri politici si aggreghino, perché la protezione del territorio non deve avere nessuna bandiera politica e riguarda tutti.

Con grande disponibilità e sostegno, il DSU della città di Lugano, ha fornito l’attrezzatura per la raccolta, ma soprattutto ai ragazzi del Gruppo Verde Speranza, che praticamente ogni weekend organizzano iniziative simili in diverse location, sia di pulizia dell’ambiente che a salvaguardia degli anfibi in periodi particolari, potete trovare le informazioni e le iscrizioni sul loro sito internet (www.gruppoverdesperanza.com) per partecipare attivamente alle loro iniziative.

Nel contempo il gruppo che la città possa fare ancora qualche piccolo sforzo nel sensibilizzare la popolazione al rispetto degli spazi pubblici e nell’incrementare il numero di contenitori in alcuni punti critici e in vista della bella stagione, magari adibiti alla raccolta separata di vetro, carta, PET e ALU, come quelli già presenti alla Stazione FFS.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    Nuotate e tuffi «off-limits»: problemi a Porto Ceresio

    Balneabilità

    L’eccessiva presenza di sostanze inquinanti nelle acque ha portato alla drastica decisione - Qualità dell’acqua «appena sufficiente» a Lavena Ponte Tresa – Registrata in territorio italiano una morìa di pesci

  • 3

    Arogno aspetta il voto per essere escluso

    Aggregazioni

    Lunedì il Gran Consiglio deciderà che forma avrà il nuovo Comune di Val Mara - Salvo clamorosi ribaltoni sarà composto solo da Maroggia, Melano e Rovio - I favorevoli all’unione a quattro: «Accettiamo il responso, con la speranza di poter rientrare in seguito»

  • 4

    L’ATG bacchetta Gobbi per le accuse alla stampa

    ex macello

    L’Associazione ticinese dei giornalisti critica le comunicazioni dei politici in merito al Molino: «Significa non riconoscere ai media il loro ruolo, che è quello di porre domande, di chiedersi cosa è successo e cosa sta succedendo, usando pure la leva della critica»

  • 5

    L’avanzo d’esercizio viene da sotto Villa Negroni

    Lugano

    La Città ha chiuso il 2020 nelle cifre nere grazie a una vertenza con la AlpTransit San Gottardo SA - Non era stato trovato un accordo per l’espropriazione di un terreno a Vezia - Alla fine ha deciso la Commissione federale di stima e Palazzo civico ha incassato 3,6 milioni di franchi

  • 1
  • 1