Quasi mezzo milione per il centro e il lungolago

città

Il Municipio di Lugano ha approvato un messaggio con la richiesta di credito per la procedura di Mandato di studi paralleli per l’elaborazione di un Masterplan del comparto

Quasi mezzo milione per il centro e il lungolago
©CdT/Gabriele Putzu

Quasi mezzo milione per il centro e il lungolago

©CdT/Gabriele Putzu

Il Municipio di Lugano ha licenziato oggi all’attenzione del Consiglio comunale il messaggio con la richiesta di un credito di 498'000 franchi per la procedura di Mandato di studi paralleli (MSP) per l’elaborazione di un Masterplan del comparto Lungolago e Lugano centro.

Obiettivo: riqualificare lo spazio pubblico a misura di cittadino e gettare le basi per l’adeguamento del Piano regolatore. Le aree del Lungolago e del centro sono state oggetto negli anni di diverse progettazioni e approfondimenti, con l’obiettivo di migliorarne le potenzialità, le funzionalità e l’offerta. Nel 2016 una mozione accolta dal Consiglio comunale ha rilanciato il tema, auspicando l’avvio di uno studio per una variante del Piano Regolatore (PR) relativa al comparto in oggetto.

Il messaggio licenziato oggi dal Municipio con la richiesta di credito di 498'000 franchi ne è diretta conseguenza ed è destinato a finanziare una procedura di Mandato di studi paralleli (MSP) volta a identificare strategie progettuali e soluzioni per la riqualifica dell’area. Ne risulterà un Masterplan con una visione generale e aggiornata della situazione. Saranno invitati a partecipare quattro team di progettazione, composti da pianificatori, urbanisti, architetti, architetti del paesaggio e ingegneri del traffico. Il perimetro di studio indicativo si estende su una fascia lacustre dal confine del Comune di Paradiso alle porte di Villa Favorita, comprendente Via Nassa, le piazze del nucleo e l’area fino a via Balestra (vedi foto). Le proposte dei team saranno valutate da un Collegio di esperti.

Il Masterplan dovrà proporre delle soluzioni per la sistemazione degli spazi pubblici in relazione alle attività di manifestazioni ed eventi, così come per la promozione della residenza, del commercio e del turismo in centro città. Si attendono, inoltre, soluzioni a tematiche di mobilità e logistica e risposte all’esigenza di accessibilità e di valorizzazione paesaggistica del lago. Sulla base dello studio sarà possibile adeguare il PR e definire la richiesta dei relativi crediti al Consiglio comunale.

I temi prioritari del Masterplan

Paesaggio e immagine. Il Masterplan dovrà proporre un’immagine rinnovata del lungolago, considerando la sua storia, il patrimonio paesaggistico e culturale ma anche le aspettative della popolazione, del turismo e dell’economia. Rientrano in quest’ambito i temi del verde, dell’illuminazione pubblica, dell’arredo urbano, dei beni culturali, delle fontane a lago, ecc.

Mobilità. Sono attese soluzioni in linea con le Linee di sviluppo 2018-2028 della Città, in particolare in relazione agli obiettivi di riqualificare e pedonalizzare il centro, moderare il traffico sul Lungolago, aumentare la quota di trasporto pubblico e mobilità lenta (pedonale e ciclabile) e accrescere le superfici verdi e di svago accessibili al pubblico tutto l’anno.

La riva e l’acqua. I team dovranno proporre soluzioni volte a migliorare e aumentare le zone di accesso al lago. Rientrano in quest’ambito i temi del riordino dei natanti e la creazione o miglioria di pontili, piattaforme, ecc.

Eventi e servizi. Lo studio proporrà soluzioni che permettano alla Città di gestire meglio l’organizzazione e lo svolgimento di eventi, oltre a soluzioni per l’organizzazione e il disegno delle aree di supporto alle attività del lungolago (chioschi, imbarcaderi, punti di ristoro, ecc.).

Cittadinanza, economia, turismo. Il Masterplan identificherà soluzioni tali da creare le condizioni per soddisfare le esigenze della popolazione, dei turisti e più in generale delle attività economiche.

Ecco l’area d’interesse del Masterplan
Ecco l’area d’interesse del Masterplan

Studi di base

Nel Masterplan dovranno confluire sia le riflessioni passate sia uno sguardo innovatore verso il futuro, affinché nessuna opportunità vada persa. La Città auspica quindi che i team tengano conto dei risultati dei progetti avviati e realizzati su scala locale e regionale. Inoltre, per accompagnare il compito dei gruppi il Municipio ha commissionato degli studi di base volti a fornire, da un lato, un quadro più completo e aggiornato della situazione e, dall’altro, approcci innovativi. Tutti gli studi saranno conclusi in tempo affinché i risultati possano essere utilizzati nell’ambito del MSP.

Studio Lugano Lungolago Vision Plan (arch. Carlo Ratti e associati+MIC-Mobility In Chain). Considerati gli obiettivi di riqualificare e proseguire nella pedonalizzazione del centro cittadino, moderare il traffico sul lungolago e aumentare le quote del trasporto pubblico e della mobilità pedonale e ciclabile, il Municipio nel 2019 ha commissionato un’analisi che ha esplorato alcune piste per lo sviluppo del lungolago e la gestione del traffico. Le linee guida dello studio sono: spazio pubblico dinamico (ad es. segnaletica dinamica, arredo pubblico responsivo); gestione in tempo reale (ottimizzazione semaforica, corsie dinamiche, sistema integrato di mobilità pubblica condivisa, nodi di interscambio multimodali); e il lago come spazio urbano (riattivazione del bordo storico, mobilità sull’acqua, acqua nel contesto urbano, promozione di educazione e sperimentazione).

Lo studio di fattibilità offre diversi spunti che potranno essere presi in considerazione, come la necessità di riabilitare la continuità della maglia urbana per meglio integrare il lungolago con il sistema città, l’evidente frammentarietà del sistema degli spazi pubblici, che oggi ha un’identità ambigua e richiede una ricucitura o, ancora, idee per incentivare e incrementare la relazione con l’acqua che, sotto forme da definire, potrebbe essere maggiormente presente all’interno della città.

Lo studio conferma inoltre che per risolvere il problema dei flussi di traffico non appare opportuno pensare alla realizzazione di grandi infrastrutture passanti sotto le acque del lago: la soluzione di un tunnel subacqueo appare impraticabile poiché troppo costosa, tecnicamente invasiva (si pensi agli accessi) e generatrice di nuovi problemi di traffico in corrispondenza dei portali. In alternativa lo studio propone una interessante “gestione dinamica della strada” (lungolago adattativo, città in tempo reale, segnaletica dinamica e altre soluzioni). La visione prevede una serie di scenari modulari, con implementazione a tappe fino alla realizzazione del Vision Plan completo. Non da ultimo, è previsto un processo partecipativo con il coinvolgimento di cittadinanza e stakeholder (studio concluso).

Ottimizzazione della rete semaforica (NNAISENSE - Prof. Jürgen Schmidhuber). Si tratta di un’analisi relativa all’ottimizzazione della rete semaforica esistente facendo capo a moderne soluzioni basate sull’intelligenza artificiale. Lo scopo del lavoro era di analizzare i dati in possesso di Città, TPL-Trasporti Pubblici Luganesi e Cantone; fornire raccomandazioni sugli approfondimenti necessari per ottimizzare i semafori e indicazioni per un miglior utilizzo dell'intelligenza artificiale (studio in corso).

Censimento e riorganizzazione dei posti barca, porti e pontili (studio di ingegneria E+P Vanetta). La Città ha chiesto di aggiornare la visione d’insieme di posti barca, attracchi, darsene e pontili lungo le rive luganesi del Ceresio. Il censimento permetterà di avere un quadro della situazione attendibile e di fare le prime riflessioni sulle necessità e possibilità di riorganizzazione. Questa tematica risulta centrale anche per le correlazioni con l’obiettivo di migliorare la pubblica fruibilità delle rive (studio in corso).

Studio piazzale ex-scuole Il Masterplan rifletterà sulle possibili destinazioni da attribuire al piazzale ex-scuole, rendendolo uno spazio di qualità e congruente con le necessità del nodo intermodale del trasporto pubblico. L’area dovrà dunque avere un carattere compatibile e adattabile alle esigenze future del trasporto pubblico, come la tappa prioritaria del tram-treno e le fasi successive, e integrarsi nel contesto pedonale dell’area del centro e in rapporto ai collegamenti verso il lungolago. È stato inoltre promosso uno studio di fattibilità per un mercato coperto in quest’area (in corso).

Posteggi pubblici per il comparto stazione FFS. Lo studio ha verificato il fabbisogno di posteggi pubblici per il comparto stazione FFS allargato ai quartieri di Besso e del Centro per quanto concerne il fabbisogno nel futuro nodo intermodale FFS di Lugano. La panoramica sulla situazione dei posteggi pubblici risulta utile anche per l’elaborazione del Masterplan (concluso).

Analisi urbana di EspaceSuisse. L’associazione nazionale dedicata alla pianificazione del territorio ha elaborato un’analisi, già resa pubblica, del nucleo cittadino secondo una metodologia consolidata che pone l’accento sulla vitalità dei centri storici sia per ciò che riguarda la funzione residenziale, sia in relazione alle attività commerciali, economiche e turistiche. La prima fase dello studio, consegnata all’inizio del 2019, ha permesso di identificare alcune tematiche che potranno essere riprese nell’ambito del Masterplan (concluso).

Alla conclusione del MSP, la Città disporrà dunque del Masterplan Lugano e Lugano centro con una visione di insieme e un progetto generale che costituiranno il quadro di riferimento per successivi approfondimenti e per progetti mirati. Il PR sarà adeguato di conseguenza.

Il messaggio viene ora trasmesso all’attenzione del Consiglio comunale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1