Quattro in manette per le rapine ai danni di un 38.enne

Tra gli autori anche un minorenne: il quartetto è accusato di aver messo a segno tre colpi in poche ore a Lugano e Paradiso

Quattro in manette per le rapine ai danni di un 38.enne

Quattro in manette per le rapine ai danni di un 38.enne

LUGANO - Sono scattate le manette per quattro giovani accusati di rapina. Il quartetto - un 22.enne e un 18.enne, entrambi cittadini svizzeri, nonché una 17.enne e un 18.enne cittadini italiani, tutti domiciliati nel Luganese - sono stati arrestati perché coinvolti a vario titolo e con varie responsabilità, in tre distinte rapine ai danni di un 38enne cittadino svizzero, che ha riportato leggere ferite.

Le rapine, come riportano il Ministero pubblico, la Magistratura dei minorenni e la Polizia cantonale in una nota congiunta, sono avvenute il 16.11.2018 tra l'01.00 e le 03.00, a Lugano e Paradiso, con refurtiva di circa 5.000 franchi. Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di rapina e di contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. L'inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore generale Nicola Respini e dalla Magistratura dei minorenni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    La storia

    Da Trapani a Lugano in bicicletta

    Giuseppe Bica ha concluso il suo lungo viaggio: tremila chilometri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mobilità sostenibile e per aiutare Medici Senza Frontiere

  • 2
    processo

    Presunto stupro, toni accesi in aula

    Nel secondo giorno di dibattimento le parti hanno cercato di screditare la credibilità dei loro avversari - La donna afferma di essere stata violentata, l’uomo parla di rapporto consenziente - Sentenza settimana prossima

  • 3
    Polo Sportivo

    «Con quel sondaggio la Città non c’entra nulla»

    L’MPS accusa il Municipio di fare campagna in vista sul referendum con una ricerca d’opinioni pilotata e con soldi pubblici - Lugano però smentisce: «Non l’abbiamo commissionato noi e di certo non è finanziato con soldi pubblici» - Il Movimento: «Rischi seri per la libera espressione democratica»

  • 4
  • 5
  • 1