Quei senzatetto nelle mani degli angeli

Povertà

Non hanno una casa e provengono da diversi luoghi, Ticino compreso - Di passaggio o «residenti», si nascondono o si lasciano aiutare dai volontari e dalla Città - Incursione nel mondo degli emarginati insieme ai City Angels e i Servizi sociali di Lugano

 Quei senzatetto nelle mani degli angeli
© Ti-Press / Gabriele Putzu

Quei senzatetto nelle mani degli angeli

© Ti-Press / Gabriele Putzu

«Durante il servizio perlustriamo le zone più calde come i parchi e le stazioni dei treni», racconta Giuseppe Modica, coordinatore dei Lugano City Angels, l’associazione presente a Lugano dal 2014 e operativa anche a Chiasso. Lo abbiamo incontrato per farci raccontare del loro ultimo intervento e di come operino a favore delle persone in difficoltà.

«Proprio alla stazione di Lugano, nell’arco di quest’ultima settimana, abbiamo scoperto tre senzatetto: un italiano, un austriaco e un germanico».

Una panchina della stazione ferroviaria di Lugano. Chi attende il treno. Chi l’arrivo di lontano parente. Chi, coperto da giornali, la utilizza come giaciglio....

Storie che sfuggono

Donne e uomini la cui storia personale è spesso indecifrabile. Ma quanti senzatetto si trovano a Lugano? «Quantificarne il...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1