Ritrovato amianto tra le macerie dell’ex Macello

Lugano

Rinvenuti anche idrocarburi policiclici aromatici: le sostanze erano «in singoli oggetti che non sono presenti in quantitativi importanti rispetto alla massa delle macerie e dei rifiuti» precisa il Ministero pubblico

Ritrovato amianto tra le macerie dell’ex Macello
© KEYSTONE/Samuel Golay

Ritrovato amianto tra le macerie dell’ex Macello

© KEYSTONE/Samuel Golay

Sono giunti i risultati dei primi prelievi ordinati dagli inquirenti ed effettuati in superficie sull'area dell'ex Macello posta sotto sequestro limitatamente alle macerie. Gli esami - fa sapere il Ministero pubblico - hanno confermato la presenza puntuale di alcuni materiali contenenti amianto e idrocarburi policiclici aromatici (PAH) in singoli oggetti che non sono presenti in quantitativi importanti rispetto alla massa delle macerie e dei rifiuti. L'inchiesta cercherà di stabilire se vi sia stata una concreta messa in pericolo dell'integrità delle persone e dell'ambiente al momento dell'abbattimento dell'edificio.

Ulteriori prelievi in profondità sono già stati disposti. In ogni caso, secondo la Sezione protezione aria, acqua e suolo (SPAAS), grazie alle operazioni di messa in sicurezza precauzionale del 2 giugno, l'area delimitata e sottoposta a sequestro è da considerarsi sicura e priva di effetti dannosi per la popolazione e l'ambiente.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Zanini contro l’MPS, ma il reato non c’è

    EX MACELLO

    Il movimento guidato da Pino Sergi aveva scritto che la municipale era sul posto, la notte dei fatti, per «indicare quali immobili demolire» - La politica socialista, che ha sempre negato, ha reagito con una denuncia per diffamazione - La Procura ha emesso un non luogo a procedere

  • 2
  • 3

    ‘Ndrangheta in Svizzera: un arresto a Grancia e uno a Spreitenbach

    MAFIA

    L’operazione «Imponimento» contro la cosca Anello-Fruci prosegue – L’uomo finito in manette in Ticino è indagato per associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori – «È risultato tra i soggetti di riferimento dell’organizzazione in terra elvetica»

  • 4
  • 5

    Trieste, Ticino e la Cina: truffa da 300 milioni

    Indagine

    Gli inquirenti italiani hanno disarticolato una maxifrode al fisco che sarebbe stata architettata da tre persone residenti nella Svizzera italiana - Commerciavano materie prime in nero e tramite documenti falsi riuscivano anche a far rientrare a Pechino ingenti capitali asiatici

  • 1
  • 1