Scarpe e tecnologia: a Villa Heleneum arriva Bally

LUGANO

Il Municipio ha scelto il progetto dell’azienda di Caslano, che porterà il suo museo - Sfumati il centro studi d’arte orientale e il think tank artistico

Scarpe e tecnologia: a Villa Heleneum arriva Bally
Bella è bella.  (Foto Putzu)

Scarpe e tecnologia: a Villa Heleneum arriva Bally

Bella è bella.  (Foto Putzu)

Bally riceverà le chiavi di Villa Heleneum. Giovedì scorso, fra le tre proposte sul tavolo per il futuro della residenza affacciata sul Ceresio un tempo sede del Museo delle Culture, il Municipio di Lugano ha scelto il progetto dell’azienda di Caslano che produce scarpe, borse, capi d’abbigliamento e accessori. Ce lo ha confermato, da noi contattato, il sindaco Marco Borradori.Quello che saràIn sintesi – per i dettagli è tutto rimandato a una comunicazione ufficiale – Bally vuole portare a Villa Heleneum i contenuti del suo museo di Schönenwerd, nel Canton Soletta, il cui destino è quindi incerto. Ma l’attività espositiva è soltanto una parte della visione: un ruolo importante lo giocherà la tecnologia. Bally del resto è tra i fondatori del LifestyleTech Competence Center (centro di competenza...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    L’auto con Eitan fermata dalla polizia prima del volo

    Il caso

    Lo rivela il Corriere della Sera, secondo cui le autorità avrebbero svolto un normale controllo identificando gli occupanti – La Polca però nega: «Dalle verifiche esperite al nostro interno non risulta che la Polizia cantonale abbia mai controllato le persone oggetto dell’articolo»

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4

    «In Svizzera la mafia c’è e investe i suoi soldi»

    conferenza

    All’USI si è tenuto il primo convegno dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata - Intervenuta anche la PM antimafia Alessandra Cerreti: «Grandissima capacità imprenditoriale, investono in bitcoin e sono laureati nelle migliori università»

  • 5
  • 1
  • 1