Se vuole guarire dallo spopolamento, Lugano dev’essere più vivibile

VERSO LE ELEZIONI

Le tendenze demografiche della città sono il fil rouge del nostro ultimo confronto fra candidati al Municipio - Dalle ricette per attirare nuovi abitanti (possibilmente facoltosi) a un possibile incentivo economico del Comune per i neogenitori

Se vuole guarire dallo spopolamento, Lugano dev’essere più vivibile
C’è bisogno di vita.  © CdT

Se vuole guarire dallo spopolamento, Lugano dev’essere più vivibile

C’è bisogno di vita.  © CdT

L’ultimo dei confronti elettorali abbraccia tutta la popolazione di Lugano, analizzando le sue tendenze. Quella per molti più preoccupante è lo spopolamento della città, che ha varie cause. Da chi preferisce trasferirsi in altri Comuni al numero delle morti che (ultimamente anche per colpa del coronavirus) continua ad essere superiore a quello delle nascite. In tal senso, abbiamo anche chiesto ai candidati se è opportuno aiutare le famiglie con un contributo per ogni nuovo figlio o figlia venuti al mondo.

Ma iniziamo da quali sono le prime cose da fare per invertire la tendenza allo spopolamento della città. Secondo Rupen Nacaroglu (PLR) «vanno motivate le giovani generazioni che cercano terreno fertile per le loro attività. Maggiori sinergie tra l’iniziativa privata e USI/SUPSI potrebbero permettere...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1