Si arricchisce la flotta per la pulizia del Ceresio

Ambiente

Un nuovo battello spazzino per recuperare i rifiuti in acque svizzere e italiane - Fabio Schnellmann: «Con gli ultimi nubifragi raccolte 400 tonnellate di materiale»

 Si arricchisce la flotta per la pulizia del Ceresio

Si arricchisce la flotta per la pulizia del Ceresio

 Si arricchisce la flotta per la pulizia del Ceresio
Da sinistra: Fabio Schnellmann e Massimo Mastromarino.

Si arricchisce la flotta per la pulizia del Ceresio

Da sinistra: Fabio Schnellmann e Massimo Mastromarino.

 Si arricchisce la flotta per la pulizia del Ceresio

Si arricchisce la flotta per la pulizia del Ceresio

Si arricchisce di un'ulteriore unità nautica operativa la flotta dei battelli spazzino che si occuperà della pulizia del lago Ceresio, sia in acque svizzere che italiane. Da oggi infatti l'Autorità di Bacino lacuale del Ceresio, Ghirla e Piano metterà a disposizione del Consorzio pulizia delle rive e dello specchio d'acqua del Lago Ceresio, il proprio natante per la raccolta dei rifiuti.

È stato firmato questa mattina a Lugano, negli uffici del Dicastero Cultura, Sport ed Eventi, il protocollo d'intesa per garantire la raccolta e lo smaltimento del materiale galleggiante con scopi ambientali, ittico venatori, turistici e di sicurezza per la navigazione professionale e privata. Un accordo che prevede anche una stretta collaborazione con gli Enti competenti anche in caso di inquinamento. Il battello sarà ormeggiato nel laghetto di Lavena Ponte Tresa e funzionerà con l'equipaggio del Consorzio che assicurerà la pulizia e il monitoraggio dello specchio d'acqua.

«Tutto rientra in un più ampio piano di riqualificazione, di risanamento e di tutela dell'ambiente del lago Ceresio - commenta il Presidente dell'Autorità di Bacino lacuale del Ceresio, Piano e Ghirla, Massimo Mastromarino –. Il lago non ha confini e la collaborazione porterà vantaggi a tutto il territorio. Il Consorzio si assume questo ruolo di assoluta importanza e lavorerà in modo organico su tutto il bacino d'acqua. Noi mettiamo a disposizione il battello e, dal canto loro, il Consorzio con la professionalità acquisita, si occuperà della pulizia. Una collaborazione necessaria e fondamentale per un rilancio complessivo del Ceresio». Obiettivo dell'accordo, come detto, la valorizzare delle rive e delle acque del lago Ceresio sia da un punto naturalistico, paesaggistico e ambientale con particolare riferimento al tratto sud del Ponte diga particolarmente soggetto a possibili accatastamenti di materiale inerte di provenienza sia naturale che urbano.

«L'ulteriore unità nautica è di fondamentale importanza. Basti pensare che, con gli ultimi nubifragi che hanno portato a forti disastri ambientali, sono stati raccolti, in pochi giorni, nella parte a sud del bacino, 400 tonnellate di materiale - spiega il segretario del Consorzio pulizia delle rive e dello specchio d'acqua del lago Ceresio, Fabio Schnellmann -. Un quantitativo enorme che ha causato ingenti danni. Per questo motivo, l'introduzione di nuovo natante, ci permetterà di monitorare al meglio il lago e intervenire ogni qualvolta si presentasse la necessità. Oltre a ciò, andremo a garantire la quotidianità e la manutenzione ordinaria. A oggi abbiamo già in funzione tre battelli, uno ad Agno, un altro a Lugano e un terzo a Riva San Vitale. Con quest'ultima si completa la flotta che permetterà di monitorare con grandi risultati tutto il bacino».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Molino Nuovo avrà finalmente una vera piazza?

    Pianificazione

    Lugano, tramite un concorso di mandato di studio in parallelo, è pronta a reimmaginare la zona, sperando di renderla più fruibile - A chi parteciperà sono lasciate ampie libertà, con alcuni punti fissi, come la presenza dell’acqua (che probabilmente salverà la fontana di Carloni)

  • 2
  • 3
  • 4

    Tamponamento a Gandria, ferita una donna

    Incidente

    Il sinistro è avvenuto sulla strada cantonale, mentre la conducente, poi rimasta contusa, stava svoltando per posteggiare in un piazzale - FOTO e VIDEO

  • 5

    Nuovi accessi al lago, ecco i primi candidati

    Lugano

    La Città vuole aumentare le zona bagno lungo le rive per sgravare lidi e foce - Individuate alcune aree papabili da valorizzare: sei punti fra la Lanchetta e il sentiero di Gandria

  • 1
  • 1