Si era intascato imposte alla fonte per mezzo milione, condannato

Centottanta aliquote giornaliere da 210 franchi per un importo complessivo di 37 mila 800 franchi la pena (sospesa per due anni) decisa nei confronti dell'impresario italiano

Si era intascato imposte alla fonte per mezzo milione, condannato
Immagine d'archivio

Si era intascato imposte alla fonte per mezzo milione, condannato

Immagine d'archivio

LUGANO - Un impresario italiano è stato condannato dalla Corte delle Assise Correzionali per appropriazione indebita d'imposte alla fonte. Centottanta aliquote giornaliere da 210 franchi per un importo complessivo di 37 mila 800 franchi la pena (sospesa per due anni) decisa nei suoi confronti dal giudice Marco Villa, che ha leggermente corretto verso il basso la proposta del procuratore pubblico Moreno Capella (210 aliquote).

Classe 1957, cittadino italiano residente in provincia di Como, l'imputato ha ammesso i fatti. Dal novembre del 2011, in qualità di responsabile e proprietario di una società edile, con la partecipazione di un'altra persona che non era in aula, l'uomo aveva tenuto per sé le ritenute d'imposta dei suoi dipendenti riguardanti il periodo fra il 2009 e il 2013 per un importo totale di 442 mila franchi.

Di quella somma, nel frattempo, ha già restituito 325 mila franchi ai competenti uffici cantonali. Dato che l'impresario, difeso dall'avvocatessa Caterina Jaquinta Defilippi, aveva riconosciuto completamente le sue colpe, il processo si è svolto con la procedura del rito abbreviato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Processo

    Condannati a tre anni per la truffa risarcita

    Pene parzialmente sospese per l’amministratore e il titolare di una ditta di commercio di rottami del Bellinzonese - Avevano spillato oltre 3 milioni di franchi a una ditta di riscossione crediti tramite doppia fatturazione

  • 2
    Teleriscaldamento

    Lido, quattro milioni per ripensare l’energia

    A Lugano i lavori sul prato di fronte alla piscina coperta avranno inizio nel mese di settembre e dovrebbero protrarsi per circa un anno – Se tutto va secondo i piani l’entrata in funzione potrebbe avvenire nell’autunno 2021 – L’idea risale ad alcuni anni fa

  • 3
  • 4
    Lugano

    Controlli più serrati alla foce del Cassarate

    Dopo che la foto degli assembramenti di giovedì ha fatto il giro del web, questa giornata di sabato sembra essere trascorsa all’insegna del rispetto delle distanze sulla riva del Ceresio - «Se non si rispettano le regole saremo costretti a chiudere nuovamente tutto», aveva avvertito Borradori due giorni fa - GUARDA LE FOTO

  • 5
    Pandemia

    Assembramenti a Lugano, «non ci siamo!»

    Il municipale Lorenzo Quadri diffonde le foto di gente che non rispetta il distanziamento e tuona: «La polizia non fa contravvenzioni, poi fanno cassetta coi radar per 5 km/h in più»

  • 1