Si riparte dal «no» al progetto aggregativo

Elezioni comunali

Grandi cambiamenti in vista nei Municipi di Muzzano e Collina d’Oro, dove le sindache, i vice e diversi municipali non sono in lista per il 5 aprile

Si riparte dal «no» al progetto aggregativo
Ad ottobre gli abitanti di Muzzano e Collina hanno bocciato il progetto. © CDT/CHIARA ZOCCHETTI

Si riparte dal «no» al progetto aggregativo

Ad ottobre gli abitanti di Muzzano e Collina hanno bocciato il progetto. © CDT/CHIARA ZOCCHETTI

Continua il nostro viaggio tra i comuni del Luganese in vista delle elezioni. Oggi andiamo a Muzzano, Collina d’Oro e Sorengo. Partiamo da Muzzano dove, dopo il fallimento del progetto aggregativo con Collina d’Oro respinto in votazione popolare lo scorso 20 ottobre, il comune non sarà più lo stesso. Almeno a livello politico: dopo quattro anni in Consiglio comunale e otto in Municipio, la sindaca Simona Soldini (Cittadini attivi) e il vice Armando Chollet (Insieme a sinistra) non sollecitano un nuovo mandato. Le due liste di cui (ancora per poco) sono esponenti non sono tra quelle presenti nella corsa verso il 5 aprile. Al loro posto è nata una nuova lista civica: Alternativa per Muzzano, composta da persone che hanno deciso di mettersi al servizio del Comune ripartendo dal «no» all’aggregazione....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1