Stanziati quasi 50 milioni per l’educazione di Lugano

Strutture scolastiche

Approvato dal Granconsiglio il credito per allestire le sedi provvisorie di Liceo e Medie – Gli allievi, per i prossimi 10-12 anni, troveranno spazio nello stabile Mizar e nel «villaggio» di Viganello

Stanziati quasi 50 milioni per l’educazione di Lugano

Stanziati quasi 50 milioni per l’educazione di Lugano

Trentacinque milioni di franchi per la progettazione e la realizzazione del villaggio a Viganello quale sede transitoria del liceo di Lugano 1; 7,26 milioni per l’esecuzione dei lavori di adattamento degli spazi dello stabile Mizar destinati ad ospitare transitoriamente la scuola media di Lugano centro. Infine, 5,3 milioni per l’adattamento e l’ampliamento delle strutture prefabbricate già esistenti all’interno del comparto del Palazzo degli Studi quale sede temporanea del liceo di Lugano 1. Totale: oltre 47 milioni e mezzo di franchi da investire per la logistica scolastica di Lugano. Cifra messa sul piatto dal Consiglio di Stato nel relativo messaggio – preavvisato favorevolmente dalla Commissione della gestione e delle finanze –, che oggi è stato accolto dal Gran consiglio. Votazione, in Parlamento, quasi bulgara: 62 voti favorevoli, 2 contrari e 3 astenuti.

Provvisori fino al 2033

Stando alla tabella di marcia, entro il 2033 il comparto scolastico di Lugano-Centro – che attualmente ospita 1.300 studenti liceali e 290 allievi di

scuola media – sarà completamente rinnovato. Fino a quella data gli allievi faranno capo a delle sedi provvisorie. Quelle, appunto, oggetto della richiesta di credito. In concreto, nello stabile Mizar a Lugano–Molino Nuovo si insedierà la scuola media.

A Viganello, invece, sorgerà un «complesso scolastico con tecnologia modulare prefabbricata» nel quale verranno collocati 750 studenti del LiLu 1. Questo grazie «alla disponibilità di aree libere edificabili presso il Campus USI/SUPSI». A Lugano, per contro, ci sarà una sede provvisoria che ospiterà 550 studenti del LiLu 1. In quest’ultimo caso il tutto sarà possibile utilizzando il Palazzetto delle scienze (aule scientifiche, palestra e piscina), lo Stabile Cino Chiesa (palestra e mensa), strutture prefabbricate esistenti e nuove (per la didattica e l’amministrazione).

Le quattro sedi definitive

Le sedi transitorie rimarranno attive sino alla conclusione della realizzazione delle nuove strutture definitive. Nello specifico si tratta del già citato Liceo di Lugano 1 – Palazzo degli studi – la cui consegna è prevista nel 2026 e la ristrutturazione verrà a costare circa 30 milioni di franchi. Due anni più tardi, nel 2028, toccherà al nuovo Liceo di Agno (l’investimento in questo caso sarà di circa 120 milioni) il quale, una volta realizzato, ospiterà fino a 650 studenti. Infine, nelle previsioni sarà nel 2033, gli allievi apprenderanno le proprie nozioni alla Scuola media di Lugano centro e al Liceo di Lugano 2 a Savosa. Quest’ultime verranno a costare, entrambe, 25 milioni.

Barbengo, palestra in arrivo

Ma non è finita qui. Ieri, infatti, il Consiglio di Stato ha licenziato un messaggio per la richiesta di un credito affinché si proceda con la sostituzione della palestra provvisoria della Scuola media di Barbengo. Complesso scolastico che conta 24 sezioni e utilizza due palestre. L’attuale struttura provvisoria – a copertura aerostatica –, era stata realizzata a seguito di un incendio che undici anni fa aveva completamente distrutto la vecchia palestra.

Attualmente, rende noto il Governo, la palestra provvisoria «non presenta più le condizioni ideali per l’esercizio delle attività di educazione fisica». Da qui la proposta di costruirne una completamente nuova la quale sarà interamente in legno e, si legge nel relativo messaggio, verrà edificata «secondo i dettami della sostenibilità nel rispetto degli standard Minergie». Per la realizzazione, il Governo chiede al Parlamento di approvare un credito di 3,7 milioni di franchi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1