Taverne, Mirante e Gatti lasciano il Municipio

Alla base delle dimissioni dei due municipali, "un profondo disaccordo con i colleghi dell'Esecutivo e il mancato rispetto delle regole"

Taverne, Mirante e Gatti lasciano il Municipio

Taverne, Mirante e Gatti lasciano il Municipio

TORRICELLA-TAVERNE - I municipali Amalia Mirante (PS) e Antonello Gatti (PLR) hanno annunciato oggi le dimissioni dal Municipio, a 13 anni dalla prima elezione. "Dopo oltre diciotto mesi di tentativi di collaborazione, non riteniamo di potere più assecondare le pratiche e le scelte dei colleghi di Municipio, con le quali siamo in profondo disaccordo" si legge nella nota diramata oggi dai due municipali, responsabili dei Dicasteri Cimitero (Mirante) e Previdenza sociale e Salute pubblica (Gatti).

"Tale disaccordo non tocca in primo luogo le scelte politiche, quanto l'ambito della correttezza formale e sostanziale nelle procedure adottate: un mancato rispetto delle regole democratiche che diventa per noi ostacolo etico ormai insormontabile". Stando a Mirante e Gatti, sarebbero molti gli esempi di questo mancato rispetto delle regole, e quelli legati alla costruzione della nuova Scuola dell'Infanzia sarebbero solo "gli ultimi di una lunga serie".

In seguito alle elezioni comunali del 2016, l'Esecutivo di Torricella-Taverne era finito al centro delle polemiche per l'attribuzione ad Amalia Mirante del Dicastero Cimitero e della decisione dei colleghi di Municipio di non inserirla in nessuna Commissione o rappresentanza intercomunale. "Ritengo l'attribuzione fatta non nell'interesse del Comune, non nel rispetto delle competenze, ma dettata da semplice protagonismo partitico e da criteri settari" aveva a suo tempo dichiarato la municipale dimissionaria.

Oltre a Mirante e Gatti, sono eletti nel Municipio di Torricella-Taverne sono il sindaco Tullio Crivelli (GITT-Lega dei Ticinesi), il vice sindaco Franco Voci (GITT-Lega dei Ticinesi) e Lorenzo Montini (PPD-PTT).

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    La storia

    Da Trapani a Lugano in bicicletta

    Giuseppe Bica ha concluso il suo lungo viaggio: tremila chilometri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mobilità sostenibile e per aiutare Medici Senza Frontiere

  • 2
    processo

    Presunto stupro, toni accesi in aula

    Nel secondo giorno di dibattimento le parti hanno cercato di screditare la credibilità dei loro avversari - La donna afferma di essere stata violentata, l’uomo parla di rapporto consenziente - Sentenza settimana prossima

  • 3
    Polo Sportivo

    «Con quel sondaggio la Città non c’entra nulla»

    L’MPS accusa il Municipio di fare campagna in vista sul referendum con una ricerca d’opinioni pilotata e con soldi pubblici - Lugano però smentisce: «Non l’abbiamo commissionato noi e di certo non è finanziato con soldi pubblici» - Il Movimento: «Rischi seri per la libera espressione democratica»

  • 4
  • 5
  • 1