Teleticino e Radio3i a vele spiegate

melide

Pubblicati i dati Mediapulse del secondo semestre 2020 di un anno difficile ma di crescita importante che ha reso centrale l’informazione

Teleticino e Radio3i a vele spiegate
© CdT/Gabriele Putzu

Teleticino e Radio3i a vele spiegate

© CdT/Gabriele Putzu

Si conferma molto positiva la chiusura del 2020 un anno di profondi cambiamenti che si sono riverberati sulla programmazione di entrambe le emittenti. Il 2021 sarà l’anno del consolidamento.

Radio3i
Radio3i registra il record d’ascolti passando dalla quota di mercato media settimanale del 13,2% del 2019 al 13,9% nel secondo semestre 2020, con una media del 14,2% su tutto l’anno e più di 80’000 ascoltatori. Il 2020 ha scardinato il modo di fare informazione con la necessità stringente di far fronte all’emergenza pandemica. Il mandato pubblico d’informazione ha trovato la sintesi tra le 18.00 e le 19.00, momento in cui avviene la diretta simultanea di Teleticino e Radio3i. La capacità di rispondere velocemente alle esigenze del pubblico e la conferma dell’importanza dell’intrattenimento con nuove proposte sia di fasce orarie sia di voci al microfono, rappresentano la giusta direzione imboccata dall’emittente che affronterà le sfide del 2021 forte della fedeltà del suo pubblico.

Teleticino
Prosegue la crescita di Teleticino che conferma nell’ora quotidiana di informazione il perno del proprio palinsesto. La redazione guidata da Sacha Dalcol ha potuto esprimere il proprio potenziale nel codificare con tempestività e semplicità una situazione difficile. I dati d’ascolto confermano come questo lavoro sia apprezzato dal pubblico che passa ad una media annuale dell’1,95% con oltre 52’000 contatti quotidiani sulle 24 ore. Resta la tv regionale concessionata con la quota di mercato più alta del paese. Il record d’ascolti lo si registra nella fascia oraria dell’informazione. Ticinonews, in onda dalle 18.00 alle 19.00 dal lunedì al sabato, nel secondo semestre ha ottenuto una media dell’8,2% di quota di mercato.

Le reazioni
Molto soddisfatto il direttore Matteo Pelli: «Quest’anno ha messo a dura prova tutti, credo sia importante mantenere la lucidità di capire come cambiare e ho la fortuna di vedere una squadra capace, disponibile, attenta che comprende il nostro mandato e le difficoltà che viviamo. Siamo pronti a guardare avanti e ad affrontare un nuovo anno insieme e sentire che il pubblico ci segue è il motore che ci sostiene».

Dello stesso avviso il CEO del Gruppo del Corriere del Ticino Alessandro Colombi: «Più che sui numeri, che sono comunque e ancora una gradita conferma, da sottolineare lo spirito di squadra che anima Radio3i e Teleticino risultando in continue sinergie fra le emittenti che ci permettono di assolvere con quantità e qualità al ruolo di veicolo informativo e di intrattenimento per la popolazione ticinese. I camei della “Festa a casa” di maggio 2020 e il “Capodanno comunque” dimostrano ancora una volta che la creatività, lo spirito di gruppo e l’ostinazione a realizzare qualcosa d’importante sono gli elementi fondanti delle nostre realtà radio-televisive».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Finalmente una rotonda alla Migros di Taverne

    Mobilità

    Inizieranno a breve i lavori sulla strada cantonale - Si vuole sistemare una volta per tutte la viabilità - Il ponte sul Vedeggio sarà pronto in maggio e il Comune continua a sperare in una nuova fermata ferroviaria alla Riseria

  • 2

    Crollo in galleria, in arrivo la perizia bis

    San Salvatore

    Servirà per determinare se ci sia stato un nesso causale tra i lavori di risanamento del traforo nel 2012 e il franamento nel 2016 in vista del processo in Appello, dato che la prima non ha saputo sciogliere il dubbio

  • 3

    Le sfumature della politica mettono in forse il bike park

    Brè

    Il progetto ha ottenuto la licenza edilizia, ma questo non significa che il Municipio lo sostenga - Il capodicastero Sport Roberto Badaracco: «L’idea è buona ma vi è una forte contrarietà: ci riserviamo la possibilità a livello politico di dire no»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1