Un’area un po’ dimenticata che meriterebbe di meglio

Lugano

Piazza Indipendenza, con il suo obelisco e la sua storia, rappresenta oggi il confine della zona pedonale - La Città ha iniziato a riflettere su come valorizzarla - Valenzano Rossi: «In effetti ora è un po’ triste e negletta»

Un’area un po’ dimenticata che meriterebbe di meglio
©CdT/Chiara Zocchetti

Un’area un po’ dimenticata che meriterebbe di meglio

©CdT/Chiara Zocchetti

Un’area un po’ dimenticata che meriterebbe di meglio

Un’area un po’ dimenticata che meriterebbe di meglio

Piazza Indipendenza ha un grande potenziale ed è probabilmente uno degli angoli di Lugano più sottovalutati e sottoutilizzati. E lo si nota soprattutto ora che la Città è intervenuta per valorizzare via Magatti e via della Posta e che il Quartiere Maghetti è rinato, tornando a essere uno dei cuori pulsanti del centro. Piazza Indipendenza rappresenta oggi il confine della zona pedonale ed è naturale chiedersi se quest’area possa essere ristudiata e abbellita creando una ricucitura tra la piazza, il parco Ciani, piazza Castello, il Palacongressi e - perché no - il vicino casinò. Un intervento in grado di allargare la zona pedonale praticamente fino alle rive del Cassarate. «In effetti - conferma Karin Valenzano Rossi, responsabile della Divisione Spazi urbani - la piazza è un po’ negletta ed...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1