Un domenica senz'auto nel Malcantone

Ad Agno, Bioggio e Manno torna la manifestazione "Slow Dream" - I tre Comuni riceveranno la certificazione di "Città dell'energia"

Un domenica senz'auto nel Malcantone

Un domenica senz'auto nel Malcantone

BIOGGIO - Domenica 16 settembre torna la manifestazione "Slow Dream" promossa dai Comuni di Agno, Bioggio e Manno. Un giorno senz'auto in cui, per il terzo anno consecutivo, la manifestazione vuole sensibilizzare i visitatori ad uno stile di vita maggiormente sostenibile attraverso l'adozione della mobilità lenta, l'uso di energie alternative e del trasporto pubblico.

Nel corso della giornata, inoltre, i tre comuni organizzatori riceveranno la certificazione di "Città dell'energia". La novità di questa edizione la "SlowRun", spiega il Dipartimento del territorio (DT) in una nota, sarà la corsa di beneficienza il cui ricavato andrà alla Fondazione Greenhope. Il DT, la Comunità tariffale Arcobaleno e TicinoEnergia saranno presenti alla manifestazione con degli stand informativi per presentare progetti di mobilità cantonale, di trasporto pubblico e di energie rinnovabili. 

Il programma• Dalle 8.00 alle 19.00 circa: Chiusura al traffico della Strada Regina da Bioggio ad Agno. La circolazione sarà deviata lungo la via Mulini. I posteggi gratuiti saranno segnalati dagli addetti.• Dalle 10.00 alle 17.00: Attività sportive e corsa con Slowrun, attività di sensibilizzazione, stand informativi, bancarelle, animazioni, giochi.• 11.30: Consegna della certificazione "Città dell'energia".• Dalle 12.30 alle 14.00: Maccheronata offerta.

Come arrivare (trasporti gratuiti)• Navetta Manno-Bioggio-Manno con fermata Sala Aragonite e alla rotonda di Bioggio, corse continuate dalle 10.00 alle 17.00.• Navetta dalle frazioni di Bosco Luganese, Iseo e Cimo, ogni ora dalle 10.00 alle 17.00.• Trenino FLP (gratuito su tutta la tratta Lugano-Ponte Tresa) ogni mezz'ora dalle 9.30 alle 17.00

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Aggressione alla Manor

    Radicalismo in Ticino, ombre e casi mai chiariti

    Il nostro cantone è stato crocevia di varie vicende sospette: dai giovani partiti come foreign fighters ai presunti finanziamenti dal Qatar, fino agli scontri legali tra l’imam di Viganello e gli 007 elvetici, che lo accusavano di sostenere la jihad

  • 2
  • 3
    aggressione alla manor

    Dall’Italia: «Non c’entra con la cellula sgominata nel 2017»

    È quanto sostiene una fonte inquirente che ha seguito in prima persona l’inchiesta che portò all’arresto di Ümit Y., il reclutatore che lavorò anche per Argo 1 - Tra le ipotesi di reato a carico della donna ci sono il tentato omicidio intenzionale e le lesioni personali gravi

  • 4
    Il fatto di sangue

    «Ho subito pensato a Morges»

    La ricercatrice Mirjam Eser Davolio dà una sua lettura di quanto avvenuto martedì a Lugano: «La Svizzera sembrava meno esposta, eppure non siamo al riparo da atti di violenza terroristica»

  • 5
    dopo l’incendio

    «Il mulino è di tutti e vogliamo ricostruirlo»

    Tra le macerie del Mulino di Maroggia, il direttore Alessandro Fontana guarda avanti: «Sono stati giorni molto duri ma siamo fiduciosi» - Intanto, la solidarietà arriva da tutto il Ticino

  • 1